Biscotti rapidi al cioccolato





Di solito, quando arrivano gli ospiti, si parte dieci giorni prima a preparare tutto l'Impossibile. Questa volta non era il caso: padre e madre arrivavano proprio all'inizio del semestre, quando il dovere chiama, e chiama con un tono che non è possibile equivocare.
Diciamo, il tono che certi film di argomento storico attribuiscono al Generalfeldmarschall Rommel o ad altri suoi colleghi, e al quale bisogna rispondere unicamente Jawohl!
Senza discutere.

Nell'ambito di questa militaresca obbedienza restava però il problema di provvedere alla familiar colazione. A me personalmente andavano i biscotti al cioccolato, forse perché di recente, ospite io in Italia da amici, avevo rivisto dopo anni i Pandistelle. Ma preparare la loro versione pirata come la faccio io era troppo complicato, serviva un'idea più semplice. Se vi è rimasta la curiosità dei Pandistelle taroccati, andate qui; invece a seguire il biscotto al cacao più semplice del mondo, che è anche molto buono e molto pericoloso: può infatti capitare di farne fuori una scatola intera senza rendersene conto, come è di recente successo a me e a Herr Dr.Dr. durante un dopocena. 

Servono, per circa 20 biscotti come quelli della foto (ma forse la doppia dose è meglio... come dicevo, vanno via rapidissimi):
  • 225 g. di farina 00
  • 35 g. di cacao amaro, di quello buono, cioè direi istintivamente Valrhona - ma anche Bensdorp, che è un'ottima soluzione se non si ha voglia di spendere un patrimonio
  • 100 g. di zucchero a velo
  • 100 g. di burro 
  • 1 uovo M
  • vaniglia (estratto o semi)
  • 1/4 di cucchiaino di lievito per dolci
  • 1/8 di cucchiaino o una presa di caffè macinato, che come sempre non si sente ma rinforza il sapore del cioccolato
Il procedimento è importante, altrimenti ci ritroviamo con una pasta dura e difficile da lavorare.
Si deve partire dalle uova sbattute bene con lo zucchero e la vaniglia e non da farina e burro. È a questa miscela che vanno aggiunti la farina setacciata con il cacao e il lievito e il burro a pezzetti. Impastare rapidamente in una bella frolla e lasciarla da parte, avvolta in pellicola, per dieci minuti.
Stendere la frolla a uno spessore di circa 3-4 mm. e ritagliare i biscotti nella forma che preferite, se siete molto pazienti anche rotonda - io vado per il rettangolare così non ci sono avanzi.

Cuocere a 180º per 10-12 minuti, controllando perché il colore è traditore. 


Commenti

Post popolari in questo blog

Biscotto materano da latte

Giammelle d'uova, alias: savoiardo giulianese

"Pasticciotti" natalizi