Passa ai contenuti principali

Gâteau invisible alle mele e pere




Il gâteau invisible aux pommes et poires smentisce la regola che fidarsi è bene e non fidarsi è meglio, perché è da moltissimo tempo che la ricetta, inventata dall'autrice di un blog che si chiamava Eryn folle cuisine (dico si chiamava perché l'ultima ricetta pubblicata risale al 2010) impazza in Francia.
Ora, Eryn sembrava sapere il fatto suo, però se c'è una cosa che mi mette in sospetto sono le ricette che diventano, per usare un termine di moda, virali.
Questo un po' per connaturato spirito da lupo solitario, e un po' perché a seguire tendenze di massa mi è capitato di scoprire che alcune ricette oggetto dell'osanna generale, inclusa roba "d'autore",  facevano schifo o poco ci mancava, oppure lasciavano l'impressione di non essere poi questa gran scoperta. Tralascio gli esempi...

Quindi è proprio perché la curiosità mi mangiava viva, e avevo voglia di un dolce alle mele molto cremoso, che ho messo mano seriamente a questa ricetta. Ecco, in questo caso mi sbagliavo con l'istinto da lupo: è delicatissima e molto saporita, la frutta si fonde perfettamente con l'impasto, è un dolce adattissimo a fine pasto, e insomma tutto perfetto, se non che esiste una incompatibilità di base tra il gâteau invisible e lo stress da superlavoro, e io l'esemplare della foto credo che me lo ricorderò per un bel po' di tempo.

Perché le mele e le pere (a proposito, chi voglia può utilizzare anche solo mele, il sapore cambia leggermente ma il risultato finale è ugualmente superbo) vanno tagliate sottili.
Molto sottili.
Diciamo che lo strumento più adatto è la mandolina, e la mandolina non si manovra, se uno è allo stremo delle forze e pure preoccupato per varie questioni di vita accademica: per cui mi sono ferita, rischiando di fare finire nella torta elementi estranei... diciamo non vegetariani; me la sono cavata con un male bestiale e un paio di settimane col cerotto, ma che paura!

Voi state in campana, e occhio alle mani.

Tecnicamente questo dolce ha pochissima farina. La frutta si cuoce in un impasto fluido e aromatizzato alla vaniglia, e, se vorrete seguirmi, anche al Calvados: non ve ne pentirete!
La ricetta è per uno stampo da 20 cm.; non di più, perché altrimenti sarebbe troppo sottile e non darebbe soddisfazione.

  • Mele golden, 3 medie
  • Pere Abate, 3 medie; o altra pera saporita, perché sarebbe indicata la Passe-Cressane, ma va a scoprire a che varietà teutonica o italiana corrisponde...
  • Farina 00, 70 g.
  • Zucchero, 50 g.
  • Burro fuso e intiepidito, 20 g.
  • Latte intero, 100 ml.
  • Uova, 2
  • Lievito per dolci, 10 g.
  • Semi di vaniglia, 1 cucchiaino
  • Calvados, 2 cucchiai
  • Un pizzico di sale
Per prima cosa, portare a termine la pericolosa operazione del taglio della frutta. Con o senza mandolina (mi verrebbe da augurare al lettore di farne a meno), le fettine devono essere sottilissime, quasi trasparenti. Tolto questo pensiero di mezzo, spruzzare la frutta di limone per evitare che si ossidi, tirare un sospiro di sollievo e riscaldare il forno a 200º. 

Setacciare farina, lievito e sale. Montare uova, vaniglia e zucchero con il metodo del pan di Spagna, poi aggiungere il burro fuso, il latte a filo, il Calvados e la farina, sempre continuando a montare. Mescolare a questo impasto le fettine di frutta: la proposta originale è di suddividerlo in due ciotole da utilizzare rispettivamente per le mele e per le pere, sovrapponendo poi gli strati, ma a me piace di più mescolarle. Girare bene perché la frutta s'imbeva perfettamente di impasto.
Imburrare e infarinare uno stampo da 20 cm. (non apribile, perché la pasta colerebbe!), riempire con l'impasto, livellare e cuocere per 35 minuti. Lasciare raffreddare bene e spolverare di zucchero a velo prima di servire.
Questo dolce beneficia dall'essere preparato il giorno prima, perché si amalgamano i sapori.

Commenti

Post popolari in questo blog

Paste svizzere

Vado in Italia? E allora non può mancare! Parlo della ricetta antica, che arriva a voi direttamente da zia Elisabetta. Stavolta abbiamo pensato di rifare queste paste, che non so che rapporto abbiano con la Svizzera, ma così erano chiamate a Caltabellotta, provincia di Agrigento, al tempo di Colapesce: anzi, paste suizzere, con la u. Si preparavano nel forno a legna, ma anche in quello di casa hanno un'ottima riuscita. Non seguite la tentazione di cuocerle negli stampini monoporzione: rispetto a quello "moderno" dei muffins, l'impasto è più pesante, non cuocerebbe bene e vi lascerebbe delusi. La zia mi ha dato la dose per un chilo di farina, ma se non siete titolari di casa-famiglia o economi del convento, vi consiglio almeno di dimezzarla: già con 500 g. ne ottengo davvero tante, per cui sentitevi liberi di dimezzare anche le quantità che vi indico io. 500 g. di farina 00 (#405); 2 uova; 300 ml. di latte; 20 g. di ammoniaca per dolci; un pizzico di bicarbonato; 70 g. di s…

Biscotto materano da latte

Dunque io torno dalla Grecia con un chilo di biscotti greci del panificio grecissimo, con lo scopo di combattere le nostalgie, approfondire lo studio della produzione locale (a scopo pirateria, si capisce), e poter contare su un lungo periodo di pausa impastamenti...
...e come se ne spunta Herr Doktor-doktor?
"Sono meglio i tuoi... questi non si inzuppano".
Inutile spiegare che si trattava di un altro genere, altro tipo di frolla, probabilmente anche altra funzione... il criterio era quello. Il cielo ti renda merito, rispondo io: me ne toccheranno di più! Peró a questo punto il problema di reperire i biscotti da inzuppare, in un momento di pochissima voglia e tempo di farli,  eccolo di ritorno.  Ho fatto una scoperta: i biscotti da latte, in Germania, non esistono. Esistono i frollini, di tutti i tipi e forme; ma non sono quelli. Esistono i biscotti bio denominati Familienkekse, da famiglia, e dev'essere la famiglia dei Puffi, perché ogni biscotto è grande quanto una mo…

"Pasticciotti" natalizi

Auguri a tutti! Buon anno!!!
In questo momento scrivo dall'Italia, causa feste, e pertanto sto facendo incetta di ricette natalizie sìcule. Il 2009 voglio aprirlo con una "chicca", lo squisito pasticciotto ripieno di conserva di zucca, cioccolato e cannella...Ci spostiamo in provincia di Agrigento, a Caltabellotta, dove la ricetta si tramanda di generazione in generazione e la leggenda racconta di memorabili infornate di pasticciotti realizzate da mia nonna e da sua sorella. Certo che dovevano avere il loro fascino, quei tempi oscuri, con il tempo scandito dai ritmi dell'agricoltura e delle feste comandate, ed un Natale da preparare senza televisione e strepiti vari, cioè senza lasciarsi suggerire - o meglio imporre - da quattro imbecilli seduti intorno al tavolo di un Consiglio d'amministrazione cosa pensare, cosa disporre, cosa comprare e via discorrendo. Niente stress, e tranquille sedute di Weihnachtsbaeckerei che accomunavano (e continuano ad accomunare) prof…