Passa ai contenuti principali

Palline al cioccolato e nocciole




Queste palline le preparo con la padella danese per preparare gli æbleskiver, finora presenti in questa raccolta solo in versione eretica, mentre l'originale non c'è perché una volta imparato a prepararli, poi ne capita sempre una a impedire di fare la fotografia (me lo dimentico, finiscono subito, la faccio e si rivela davvero troppo brutta, etc).
Non hanno nulla a che fare con i parenti danesi, trattandosi piuttosto di merendine al cioccolato e nocciola. Se sorveglierete bene i tempi di cottura, all'interno otterrete una crema dal sapore nutellesco; anzi, secondo me, pure meglio perché non diventa pietra come avviene se si cuoce la  nota crema spalmabile.
Chi non possedesse qualcosa di paragonabile alla padella danese può utilizzare in alternativa uno stampo per i cake pops se non addirittura l'apparecchio elettrico per prepararli (ma dubito che i più se ne trovino sottomano uno, è una di quelle cose "da fiera", che uno li vede e pensa come ha fatto a vivere senza fino a quel momento ma poi finiscono in un cassetto...).

Procuratevi per 18 pezzi (di più no, o almeno non in casa mia, perché cuocerli è noioso):
  • Farina 00 120 g.
  • Cacao amaro "di quello buono" 30 g.
  • Burro fuso e intiepidito 50 g.
  • Zucchero 75 g.
  • Latte 50 g.
  • Nocciole tostate 40 g.
  • 1 uovo L
  • Lievito per dolci 5 g.
  • Un pizzico di sale
  • Vaniglia
Mi raccomando di tostare le nocciole. Se non si fa, il sapore non sarà quello di cui si diceva sopra, ma resterà piuttosto vago. Lo so perché una volta la pigrizia ci mise lo zampino, e poi non vi dico la delusione, soprattutto essendo la seconda volta che preparavo questi dolcetti e già mi rallegravo all'idea di ritrovarli.
Le nocciole tostate vanno poi macinate finissime con un cucchiaio di farina, per evitare il formarsi dell'olio. 
Sbattere uova e zucchero con la vaniglia e il sale. Unire il burro fuso e poi la miscela di farina, lievito e cacao (setacciati) e le nocciole. 
Riscaldare la padella per æbleskiver e spennellare gli incavi di burro fuso. Non serve che sia molto, ma bisogna impedire che i primi dolcetti si attacchino. Testare la temperatura con una piccola porzione di impasto: deve gonfiarsi piano piano (se è troppo bassa non si cuociono, se troppo alta si bruciano, in ogni caso meglio errare per difetto). Riempire ogni cavità con un paio di cucchiaini di impasto e attendere che si stacchi dalla base senza disintegrarsi. Qui ci vuole un minimo di occhio e uno stecchino di legno, di quelli lunghi che si usano per gli spiedini. Quando sarà possibile farlo, per l'appunto, senza distruggere i dolcetti, girarli delicatamente per cuocere la metà inferiore. Anche in questo caso, attendere che si possano staccare e poi deporli su una griglia a raffreddarsi. 
Cercate di non esagerare con la seconda fase della cottura, altrimenti... altrimenti non succede niente, saranno buonissimi lo stesso ma senza la sorpresa centrale.
Spolverare di zucchero a velo prima di servire. Questi pasticcini si conservano al riparo dall'aria per tre giorni, se non seguite il cattivo esempio di chi vi scrive e del relativo coniuge che se li fa fuori in una serata.


Commenti

Post popolari in questo blog

Paste svizzere

Vado in Italia? E allora non può mancare! Parlo della ricetta antica, che arriva a voi direttamente da zia Elisabetta. Stavolta abbiamo pensato di rifare queste paste, che non so che rapporto abbiano con la Svizzera, ma così erano chiamate a Caltabellotta, provincia di Agrigento, al tempo di Colapesce: anzi, paste suizzere, con la u. Si preparavano nel forno a legna, ma anche in quello di casa hanno un'ottima riuscita. Non seguite la tentazione di cuocerle negli stampini monoporzione: rispetto a quello "moderno" dei muffins, l'impasto è più pesante, non cuocerebbe bene e vi lascerebbe delusi. La zia mi ha dato la dose per un chilo di farina, ma se non siete titolari di casa-famiglia o economi del convento, vi consiglio almeno di dimezzarla: già con 500 g. ne ottengo davvero tante, per cui sentitevi liberi di dimezzare anche le quantità che vi indico io. 500 g. di farina 00 (#405); 2 uova; 300 ml. di latte; 20 g. di ammoniaca per dolci; un pizzico di bicarbonato; 70 g. di s…

Biscotto materano da latte

Dunque io torno dalla Grecia con un chilo di biscotti greci del panificio grecissimo, con lo scopo di combattere le nostalgie, approfondire lo studio della produzione locale (a scopo pirateria, si capisce), e poter contare su un lungo periodo di pausa impastamenti...
...e come se ne spunta Herr Doktor-doktor?
"Sono meglio i tuoi... questi non si inzuppano".
Inutile spiegare che si trattava di un altro genere, altro tipo di frolla, probabilmente anche altra funzione... il criterio era quello. Il cielo ti renda merito, rispondo io: me ne toccheranno di più! Peró a questo punto il problema di reperire i biscotti da inzuppare, in un momento di pochissima voglia e tempo di farli,  eccolo di ritorno.  Ho fatto una scoperta: i biscotti da latte, in Germania, non esistono. Esistono i frollini, di tutti i tipi e forme; ma non sono quelli. Esistono i biscotti bio denominati Familienkekse, da famiglia, e dev'essere la famiglia dei Puffi, perché ogni biscotto è grande quanto una mo…

"Pasticciotti" natalizi

Auguri a tutti! Buon anno!!!
In questo momento scrivo dall'Italia, causa feste, e pertanto sto facendo incetta di ricette natalizie sìcule. Il 2009 voglio aprirlo con una "chicca", lo squisito pasticciotto ripieno di conserva di zucca, cioccolato e cannella...Ci spostiamo in provincia di Agrigento, a Caltabellotta, dove la ricetta si tramanda di generazione in generazione e la leggenda racconta di memorabili infornate di pasticciotti realizzate da mia nonna e da sua sorella. Certo che dovevano avere il loro fascino, quei tempi oscuri, con il tempo scandito dai ritmi dell'agricoltura e delle feste comandate, ed un Natale da preparare senza televisione e strepiti vari, cioè senza lasciarsi suggerire - o meglio imporre - da quattro imbecilli seduti intorno al tavolo di un Consiglio d'amministrazione cosa pensare, cosa disporre, cosa comprare e via discorrendo. Niente stress, e tranquille sedute di Weihnachtsbaeckerei che accomunavano (e continuano ad accomunare) prof…