Le offelle di Parona



Le offelle di Parona sono di quei biscotti che fanno diventare pazzi, se cercate di scoprire la ricetta "vera", un po' come i crumiri, la Sachertorte e le madeleines di Commercy. Tradizionale prodotto della Lomellina, risalgono all'Ottocento e... niente da fare, la ricetta è segreta e addirittura protetta da occhi indiscreti da apposito consorzio.
La loro caratteristica è che utilizzano insieme al burro anche l'olio di oliva, e hanno una forma ovale. Io proprio li volevo, anzi, sapete perché li volevo? Perché, guarda caso, la formina giusta me l'ero trovata "tra i piedi" poco prima e comprata secondo la regola che "non si sa mai", quindi, per una volta che potevo fare le cose anche esteticamente corrette... Per quanto riguarda la ricetta, confrontando qua e là e alla fine mi hanno convinta soprattutto "il Nanni" e Alessandra

Parliamo dell'olio... occhio, dev'essere dal sapore delicato, altrimenti non sarete contenti... il rischio del biscotto al gusto d'insalata esiste e ho potuto più volte sperimentarlo di persona.

Detto questo, rapido e facile.

  • Farina 00, 250 g.
  • Amido di mais, 50 g.
  • Zucchero finissimo, 150 g.
  • Buccia di limone
  • Uovo intero, 1
  • Burro, 150 g.
  • Olio d'oliva, 1 cucchiaio


Intridere la farina con il burro, un pizzico di sale, l'olio e la buccia di limone. Unire lo zucchero e l'uovo e impastare rapidamente per ottenere una frolla omogenea che dovrà riposare avvolta per mezz'ora.  
Stendere la pasta a circa 4 mm. e ritagliare i biscotti. Cuocere a 170º contando che non devono scurirsi troppo. 

Commenti