Biscotti friabili


Questi biscotti, si può dire, sono nati per caso; nel senso che la prima volta che ho preparato una certa torta di rabarbaro, riciclando i ritagli della pasta frolla che si utilizza come base ho notato che era era buonissima anche da sola. E questa fu la prima scoperta. Ce n'è stata una seconda, prima di arrivare al risultato finale. Avevo comprato della miscela senza glutine Schär per dolci e biscotti, per potere preparare una sorpresa a una persona che, per l'appunto, col glutine non può avere a che fare: fatta la sorpresa, bisognava però trovare un uso per la miscela che restava. Sperimentando qua e là, ecco l'osservazione chiave: l'aggiunta di un quantitativo di miscela senza glutine a buona parte di biscotti conferisce una friabilità particolare, molto simile a quella dei biscotti commerciali, che non riesco a riprodurre col solo amido; forse proprio perché la farina speciale è fatta di una miscela di amido di riso, di mais e di patate in proporzioni che sanno solo quelli che la producono.

Tuttavia sappiate che, per chi non voglia comperare la miscela, i biscotti sono molto buoni anche senza.
Con questa dose ne riescono più di trenta, a seconda della forma.
  • Burro a t.a., 60 g.
  • Zucchero, 60 g.
  • Uovo, 1 L
  • Farina 00, 100 g.
  • Miscela senza glutine per torte e dolci (Schär), 80 g. (oppure: 180 g. di farina 00 e basta)
  • Buccia di arancia grattugiata
  • Vaniglia
  • Lievito per dolci, 1 cucchiaino raso
  • Un pizzico di sale
Impastare rapidamente una pasta frolla a partire dalla farina intrisa con il burro. Mettere in frigo per 30 minuti. Stendere a uno spessore di 3-4 mm. e ritagliare i biscotti della forma che piace a voi. 
Cuocere a 180º per 12-15 minuti, tenendo conto che non devono scurirsi molto.

Commenti