Passa ai contenuti principali

Æbleskiver I (quelli veri)






Veramente gli æbleskiver sarebbero in questo momento fuori stagione, perché in Danimarca sono tipici del periodo natalizio. A me proprio la cosa non interessa, perché questo tipo di preparazioni le collego invece alle giornate festive extra, tipo 1 Maggio, Pasquetta, e stavo per dire 25 aprile ma ops, qui in Germania non è festa... anzi, visto come finì quella fase della storia, ci sarebbe pochino da festeggiare. Facciamo 3 ottobre, che è la festa nazionale.
In questo caso li ho preparati per il giovedì dell'Ascensione che in Italia non è più festivo da un bel po', e qui invece sì. E finalmente sono riuscita a fare una foto seria per potere pubblicare la ricetta, visto che ogni volta ne capitava una, riconducibile di solito a due tipi di disavventure: mano leggera nell'ungere la padella (pasta che si attacca, si bruciacchia, cattivo sangue, palline non perfettamente rotonde a causa dei vari tentativi per salvare la situazione; tipico delle prime volte) oppure: risultato perfetto, ma spariscono troppo in fretta.

Stavolta quindi ce l'abbiamo fatta e per questo (e non perché mi sia fissata con la Scandinavia) la ricetta arriva adesso. Finora c'erano solo questi, che sono una mia versione non ortodossa e molto lontana dall'originale, anche se buoni, ma... merendine; un altro genere. Ovviamente ci vuole la padella giusta, di ghisa, pesante ma per nulla antiaderente, e poi un paio di stecchi o di ferri da calza per girare le crespelline, tutto il resto è roba che i più avranno già in frigo. Ho provato varie ricette ma quella che mi piace e che alla fine non intendo più lasciare è stata questa, che viene, come la precedente, dalla raccolta di Brontë Aurell. Quello che mi convince è la consistenza della pasta, né troppo densa (riescono gommosi) né troppo liquida (cola tutto dappertutto), che si maneggia facilmente e dà dolcetti soffici e molto saporiti. Tradizionalmente dovreste metterci dentro un pezzetto di mela, (da qui il nome: æble è come apple e significa mela), io che sono pigra li faccio spesso vuoti per poi servirli accompagnati da marmellata di lamponi o more.

Con queste dosi ne riescono una quarantina. Per noi che siamo in due, piuttosto famelici, calcolo i 2/3 della ricetta e ne ottengo 28 circa.


  • Uova, separate, 3
  • Latticello, 300 ml. 
  • Panna, 100 ml.; io uso sempre yogurt al 10%, perché non tutte le ricette prevedono la panna, molte anzi soltanto il latticello
  • Zucchero con vaniglia, o estratto di vaniglia, 1 cucchiaino
  • Sale, 1/2 cucchiaino
  • Bicarbonato, 1/2 cucchiaino
  • Lievito per dolci, 1 cucchiaino
  • Cardamomo macinato (i nordici sono fissati, e ci sta bene), 1 cucchiaino
  • Farina 00, 200 g.
  • Farina 0, 50 g.
  • Burro fuso per la padella
  • Buccia grattugiata di limone, quanta piace a voi...
  • Marmellata di more o lamponi per servire


In una ciotola mischiare tuorli, latticello, panna o Joghurt e aromi. In un'altra setacciare insieme gli ingredienti asciutti. Montare gli albumi a neve.
Aggiungere i liquidi alla miscela di farina e amalgamarli (senza eccessivo zelo). Incorporare dal basso verso l'alto gli albumi a neve, in tre porzioni. Mettere in frigo per almeno mezz'ora.

Riscaldare la padella e ungerla di burro. Riempire ogni incavo con circa 1-1/12 cucchiaio di pasta e cuocere finché il bordo si solidifica. Poi cominciare a voltare la pallina con l'aiuto degli stecchi. I primi dolcetti riusciranno sempre bruttissimi, poi diventa routine. Voltare prima di 90° (questo è il momento d'inserire, se vi va, il pezzetto di mela),



e poi "ribaltare" completamente. Serviranno circa 5 minuti in totale. Conservare i dolcetti pronti in forno tiepido e proseguire fino a esaurimento dell'impasto. Spolverare di zucchero a velo e servire con la marmellata.

Commenti

  1. Non li conoscevo, ma mi sa che siano davvero buoni!!!!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Paste svizzere

Vado in Italia? E allora non può mancare! Parlo della ricetta antica, che arriva a voi direttamente da zia Elisabetta. Stavolta abbiamo pensato di rifare queste paste, che non so che rapporto abbiano con la Svizzera, ma così erano chiamate a Caltabellotta, provincia di Agrigento, al tempo di Colapesce: anzi, paste suizzere, con la u. Si preparavano nel forno a legna, ma anche in quello di casa hanno un'ottima riuscita. Non seguite la tentazione di cuocerle negli stampini monoporzione: rispetto a quello "moderno" dei muffins, l'impasto è più pesante, non cuocerebbe bene e vi lascerebbe delusi. La zia mi ha dato la dose per un chilo di farina, ma se non siete titolari di casa-famiglia o economi del convento, vi consiglio almeno di dimezzarla: già con 500 g. ne ottengo davvero tante, per cui sentitevi liberi di dimezzare anche le quantità che vi indico io. 500 g. di farina 00 (#405); 2 uova; 300 ml. di latte; 20 g. di ammoniaca per dolci; un pizzico di bicarbonato; 70 g. di s…

Biscotto materano da latte

Dunque io torno dalla Grecia con un chilo di biscotti greci del panificio grecissimo, con lo scopo di combattere le nostalgie, approfondire lo studio della produzione locale (a scopo pirateria, si capisce), e poter contare su un lungo periodo di pausa impastamenti...
...e come se ne spunta Herr Doktor-doktor?
"Sono meglio i tuoi... questi non si inzuppano".
Inutile spiegare che si trattava di un altro genere, altro tipo di frolla, probabilmente anche altra funzione... il criterio era quello. Il cielo ti renda merito, rispondo io: me ne toccheranno di più! Peró a questo punto il problema di reperire i biscotti da inzuppare, in un momento di pochissima voglia e tempo di farli,  eccolo di ritorno.  Ho fatto una scoperta: i biscotti da latte, in Germania, non esistono. Esistono i frollini, di tutti i tipi e forme; ma non sono quelli. Esistono i biscotti bio denominati Familienkekse, da famiglia, e dev'essere la famiglia dei Puffi, perché ogni biscotto è grande quanto una mo…

"Pasticciotti" natalizi

Auguri a tutti! Buon anno!!!
In questo momento scrivo dall'Italia, causa feste, e pertanto sto facendo incetta di ricette natalizie sìcule. Il 2009 voglio aprirlo con una "chicca", lo squisito pasticciotto ripieno di conserva di zucca, cioccolato e cannella...Ci spostiamo in provincia di Agrigento, a Caltabellotta, dove la ricetta si tramanda di generazione in generazione e la leggenda racconta di memorabili infornate di pasticciotti realizzate da mia nonna e da sua sorella. Certo che dovevano avere il loro fascino, quei tempi oscuri, con il tempo scandito dai ritmi dell'agricoltura e delle feste comandate, ed un Natale da preparare senza televisione e strepiti vari, cioè senza lasciarsi suggerire - o meglio imporre - da quattro imbecilli seduti intorno al tavolo di un Consiglio d'amministrazione cosa pensare, cosa disporre, cosa comprare e via discorrendo. Niente stress, e tranquille sedute di Weihnachtsbaeckerei che accomunavano (e continuano ad accomunare) prof…