venerdì 25 agosto 2017

Biscotti pirata con pepite di cioccolato



Caro lettore, se mi segui lo sai: a me interessa soprattutto preparare dei dolci buoni e scambiare informazioni con altri, molto meno arrangiare il casting per le foto... son così anche nella vita: prima la sostanza e poi l'apparenza. Quindi non me ne vorrà nessuno se mi ritrovo qui a presentare biscotti ritagliati con procedimento modestissimo e rapido e quindi altrettanto modestamente quadrati (o rettangolari, se proprio vogliamo essere precisi); e tuttavia assai simili a quelli con la stessa caratteristica che si trovano in commercio, per friabilità e anche per sapore.
Il segreto è la sostituzione di una parte della farina con farina per celiaci. Ne ho già parlato qualche tempo fa: queste miscele di amidi sono estremamente utili in tutte le operazioni di taroccamento biscotti, perché si ottiene una frolla più delicata di quella normale casalinga.


  • 210 g. di farina 00;
  • 40 g. di miscela senza glutine per biscotti e torte Schar (non è pubblicità, ma è quella che uso io e quindi vi darà esattamente il mio stesso risultato)
  • 70 g. di zucchero a velo;
  • 60 g. di margarina;
  • 75 g. di latte di cocco (o normale, però provare per credere; ovviamente prendete la parte cremosa)
  • un pizzico di sale;
  • 1/2 bustina di lievito per dolci;
  • una bustina di vanillina o zucchero con vaniglia
  • 2 cucchiai colmi di pepite di cioccolato fondente, o di più se vi piace.

Avete letto bene la parola vanillina: ci sono dei casi in cui la uso, e si tratta sempre di copiature: cioè i biscotti greci (sia che voglia imitare quelli del panificio, sia che prepari quelli di cui mi hanno dato la ricetta in loco, in Grecia quella ci mettono e me la posto apposta dalle vacanze), oppure i biscotti commerciali: la regola è che se li voglio uguali, ci vuole. D'altra parte, non sono tempi in cui il peggior rischio è rappresentato dalla vanillina, direi.
Il procedimento è facilissimo, bisogna montare zucchero a velo e margarina e unire poi il latte di cocco e le farine, a cui avremo mischiato le pepite di cioccolato; si va avanti impastando a mano, senza esagerare, una frolla da stendere in una sfoglia sottile. La superficie va infarinata, ma la pasta si maneggia tranquillamente, specie se la lasciate riposare una decina di minuti. Tagliare a rettangoli :)
o come volete voi, spennellare i biscotti di latte e cuocerli a 180º per quindici minuti.

2 commenti:

  1. Ricetta particolare davvero, e molto invitante!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Brutti ma buoni... Non ho avuto tempo ma non vedo l'ora di rifarli!

      Elimina

Waffles "a lunga conservazione" (pirata)

Che cosa non si fa per... ... la gola. La gargia , diceva mia nonna. Nel mio caso, si fa l'impossibile: imparare a fare d...