Passa ai contenuti principali

Brownies col trucco



Il brownie con l'ingrediente segreto è, secondo me, il più buono del mondo. Anche se l'ho scoperto di recente, e quasi per caso: un invito a pranzo, poco tempo per preparare roba ed egoistica necessità di rispettare certe misure dietetiche tipiche dell'autunno (e sì che le vacanze lasciano sempre l'unghiata). Nello stesso tempo, dato che all'amico ospite voglio bene e che è uno che per conto suo sa cucinare, mai mi sarei sognata di portare qualcosa "tanto per figura" e meno ancora un dolce di quelli che si vorrebbero leggeri: categoria che, lo sappiamo tutti, non esiste.
O forse sì, e questa sarebbe l'eccezione che conferma la regola. Io non ho mai capito, personalmente, se il brownie mi piaccia o no; quello classico che s'appiccica ai denti, ai vestiti, al muso, spesso ai limiti dello stucchevole, rientrava quando stavo in USA tra i pochi dolci davanti a cui sono capace di dire: un pezzetto basta. Invece davanti a questa variante qui non ho il minimo dubbio: è una scoperta, la scoperta del secolo. E se ve lo dico io che davanti ai dolci "senza" farina, zucchero, burro, ingredienti raffinati, ai dolci di carta, d'aria, di lupini, di soia, che ben figurerebbero sul programma della "cena psicologica" di Verdone e Sordi in Sette chili in sette giorni - insomma, se ve lo dico io che davanti a qualsiasi alternativa sedicente salutista scappo a gambe levate, ci potete credere. 
Fate il test con chi volete voi: nessuno indovinerà gli ingredienti, partiranno tutti con la lista: farina, burro, zucchero... e invece di questi non ne serve nemmeno uno. In compenso serve uno, un solo ingrediente segreto ma potentissimo, che sarete voi a svelare quando i commensali uno dopo l'altro si saranno arresi.
Per la ricetta, Delphine Fortin avrà la mia eterna gratitudine.

  • 200 g. di cioccolato fondente al 70% di cacao
  • 1 cucchiaio cacao amaro, 
  • 1/2 cucchiaino di bicarbonato
  • 200 g. di datteri snocciolati (svelato il mistero).
  • 3 uova 
  • 50 g. di olio di cocco (niente paura, non di palma: proprio di noce)
  • 1 cucchiaino di estratto di vaniglia, o 1/2 di semi di vaniglia

Utilizzate datteri dalla polpa "corposa" come i Deglet Nour oppure i meravigliosi Medjoul; evitate quelli piccini e più secchi, che non farebbero bene il loro lavoro.
Protagonista è il frullatore o il tritatutto. Con la funzione Pulse, tritare finemente il cioccolato con il cacao e il bicarbonato. Ne verrà fuori una specie di sabbia.
Continuare a frullare dopo aver aggiunto i datteri a pezzetti, poi le uova, l'olio di cocco e la vaniglia.
Trasferire l'impasto in uno stampo 20x20 e cuocere a 180º per 25 minuti. Controllate con lo stecco, che comunque non uscirà mai del tutto pulito perché il brownie, in tutte le sue versioni, è di natura umida e se si asciuga, vuol dire che abbiamo sbagliato tempi. Lasciare raffreddare e servire così com'è o spolverato di cacao (oppure anche di zucchero a velo, che sarebbe l'unica, isolata incursione di uno zucchero raffinato in questa preparazione).



Commenti

  1. Devono essere buonissimi. E carissimi, i datteri medjoul costano un botto :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche qua sono "inavvicinabili"! La soluzione sono i Deglet Nour, con quelli si salva anche il portafogli. Io uso questi perché sinceramente a frullare i medjoul mi sento in colpa, prorprio per il prezzo! ;)

      Elimina
    2. Li ho fatti, sono buonissimi!

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Paste svizzere

Vado in Italia? E allora non può mancare! Parlo della ricetta antica, che arriva a voi direttamente da zia Elisabetta. Stavolta abbiamo pensato di rifare queste paste, che non so che rapporto abbiano con la Svizzera, ma così erano chiamate a Caltabellotta, provincia di Agrigento, al tempo di Colapesce: anzi, paste suizzere, con la u. Si preparavano nel forno a legna, ma anche in quello di casa hanno un'ottima riuscita. Non seguite la tentazione di cuocerle negli stampini monoporzione: rispetto a quello "moderno" dei muffins, l'impasto è più pesante, non cuocerebbe bene e vi lascerebbe delusi. La zia mi ha dato la dose per un chilo di farina, ma se non siete titolari di casa-famiglia o economi del convento, vi consiglio almeno di dimezzarla: già con 500 g. ne ottengo davvero tante, per cui sentitevi liberi di dimezzare anche le quantità che vi indico io. 500 g. di farina 00 (#405); 2 uova; 300 ml. di latte; 20 g. di ammoniaca per dolci; un pizzico di bicarbonato; 70 g. di s…

Biscotto materano da latte

Dunque io torno dalla Grecia con un chilo di biscotti greci del panificio grecissimo, con lo scopo di combattere le nostalgie, approfondire lo studio della produzione locale (a scopo pirateria, si capisce), e poter contare su un lungo periodo di pausa impastamenti...
...e come se ne spunta Herr Doktor-doktor?
"Sono meglio i tuoi... questi non si inzuppano".
Inutile spiegare che si trattava di un altro genere, altro tipo di frolla, probabilmente anche altra funzione... il criterio era quello. Il cielo ti renda merito, rispondo io: me ne toccheranno di più! Peró a questo punto il problema di reperire i biscotti da inzuppare, in un momento di pochissima voglia e tempo di farli,  eccolo di ritorno.  Ho fatto una scoperta: i biscotti da latte, in Germania, non esistono. Esistono i frollini, di tutti i tipi e forme; ma non sono quelli. Esistono i biscotti bio denominati Familienkekse, da famiglia, e dev'essere la famiglia dei Puffi, perché ogni biscotto è grande quanto una mo…

"Pasticciotti" natalizi

Auguri a tutti! Buon anno!!!
In questo momento scrivo dall'Italia, causa feste, e pertanto sto facendo incetta di ricette natalizie sìcule. Il 2009 voglio aprirlo con una "chicca", lo squisito pasticciotto ripieno di conserva di zucca, cioccolato e cannella...Ci spostiamo in provincia di Agrigento, a Caltabellotta, dove la ricetta si tramanda di generazione in generazione e la leggenda racconta di memorabili infornate di pasticciotti realizzate da mia nonna e da sua sorella. Certo che dovevano avere il loro fascino, quei tempi oscuri, con il tempo scandito dai ritmi dell'agricoltura e delle feste comandate, ed un Natale da preparare senza televisione e strepiti vari, cioè senza lasciarsi suggerire - o meglio imporre - da quattro imbecilli seduti intorno al tavolo di un Consiglio d'amministrazione cosa pensare, cosa disporre, cosa comprare e via discorrendo. Niente stress, e tranquille sedute di Weihnachtsbaeckerei che accomunavano (e continuano ad accomunare) prof…