Passa ai contenuti principali

La zuppa inglese e come la faccio io



La zuppa inglese è una di quelle cose a cui uno non pensa, di solito, perché sembrano banali; niente ingredienti strani, niente comparsate alla televisione o sui libri di Quelli Che Contano se non in certe versioni rivisitate-decostruite-reinventate, nessuna necessità di forme e strumenti particolari. Il dolce da famiglia, tipo fine pranzo domenicale all'italiana. 
A me il pranzo domenicale proprio non piace, e infatti lo sostituisco volentieri con la cena benedicendo mille volte, anche se in controtendenza rispetto alla maggioranza dei connazionali expat, il fatto di vivere a una distanza dall'Italia che mi mette al riparo dal rituale; ma la zuppa inglese sì! E la faccio spesso, specie a fine estate; ne ho dovute provare di ricette per trovare quella con la consistenza che dicevo io.
Personalmente preferisco la versione tipica dell'Emilia Romagna - posto di gente che sa vivere e mangiare! - e questa vi passo come "la mia". Come sempre il rapporto effetto ottico-effetto gustativo è inversamente proporzionale: foto che fa schifo, dolce che se non lo fate non sapete che vi perdere; ma ormai chi mi conosce lo sa: non sono Spielberg... e nemmeno poi me ne preoccupo tanto.

Questa è una ricetta per quattro porzioni: io addirittura la dimezzo per farne due, per cui raddoppiate senza paura. Per la crema, ci vuol proprio la farina, altrimenti la zuppa sarà... troppo zuppa: ma non me ne vorrete, perché basterà rispettare i tempi per non sentirne il gusto.

Base per la crema "bolognese"
  • 2 uova L
  • 40 g. di zucchero (2 cucchiai colmi)
  • 2 cucchiai di farina setacciata
  • 500 ml. di latte
  • buccia di limone
  • semi di vaniglia, o 1/2 bacca incisa per il lungo
in più
  • 50 g. di cioccolato fondente
Portare il latte con la buccia di limone e la vaniglia quasi a ebollizione, ritirare dal fornello e lasciare in infusione.
Sbattere le uova con lo zucchero (montare non serve per non creare bolle d'aria) e la farina setacciata. Versare sul composto il latte caldo (la buccia di limone potete ritirarla subito oppure alla fine, per avere la scusa di prelevare subito una "leccata" di crema), rimettere sul fornello e fare addensare a calore moderato. A partire da quando la crema diventa crema, contare 30 secondi: servono per assicurare la cottura delle uova, disattivare quelle sostanze che poi fanno sciogliere gli amidi, e disattivare anche il saporaccio della farina.
Dividere la crema in due contenitori. A uno aggiungere il cioccolato a pezzetti e mescolare finché non si scioglie. Coprire con pellicola e lasciare raffreddare.

Per il montaggio
  • Savoiardi (comprati o autoprodotti, e se li volete autoprodurre, andate a guardare qui, qui e qui)
  • Liquore Alchermes (imprescindibile! liquore, non aroma)
Bagnare rapidamente i biscotti in una bagna preparata con acqua e liquore Alchermes in proporzione 2:1 e zucchero (io uso 10 g. di zucchero per ogni 50 di acqua e se necessario "rinforzo" un po' il liquore, mi piace sentirlo bene). Rivestire il fondo di uno stampo o di stampi individuali (si può usare anche quello da charlotte), versare uno strato di crema alla vaniglia, e continuare creando strati alternati di biscotti e crema, alternando anche i gusti. Mettere in frigo per qualche ora.

Note:
- La ditta Fabbri commercia un aroma per pasticceria professionale "zuppa inglese" che non ho capito di quali altri aromi si componga, ma... è buono; e se si vuole se ne può aggiungere un pochino alla parte di crema alla vaniglia. 
- Della zuppa inglese conviene sempre prepararne un bel po' (vedi alla voce raddoppiare...), perché  è più leggera di come sembra e quando finisce, lascia sempre un po' delusi!



Commenti

  1. Hai ragione, niente di meglio che i dolci classici, semplici e senza tanti fronzoli! Adoro questa zuppa!

    RispondiElimina
  2. Vuoi partecipare al contest “The Mistery Basket”? Mi farebbe molto piacere; se ti va fai un salto a leggere le semplici regole. Ciao da Franca di cannellaegelsomino.blogspot.it
    https://cannellaegelsomino.blogspot.it/2018/01/the-mistery-basket-gennaio-febbraio-2018.html

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Paste svizzere

Vado in Italia? E allora non può mancare! Parlo della ricetta antica, che arriva a voi direttamente da zia Elisabetta. Stavolta abbiamo pensato di rifare queste paste, che non so che rapporto abbiano con la Svizzera, ma così erano chiamate a Caltabellotta, provincia di Agrigento, al tempo di Colapesce: anzi, paste suizzere, con la u. Si preparavano nel forno a legna, ma anche in quello di casa hanno un'ottima riuscita. Non seguite la tentazione di cuocerle negli stampini monoporzione: rispetto a quello "moderno" dei muffins, l'impasto è più pesante, non cuocerebbe bene e vi lascerebbe delusi. La zia mi ha dato la dose per un chilo di farina, ma se non siete titolari di casa-famiglia o economi del convento, vi consiglio almeno di dimezzarla: già con 500 g. ne ottengo davvero tante, per cui sentitevi liberi di dimezzare anche le quantità che vi indico io. 500 g. di farina 00 (#405); 2 uova; 300 ml. di latte; 20 g. di ammoniaca per dolci; un pizzico di bicarbonato; 70 g. di s…

Biscotto materano da latte

Dunque io torno dalla Grecia con un chilo di biscotti greci del panificio grecissimo, con lo scopo di combattere le nostalgie, approfondire lo studio della produzione locale (a scopo pirateria, si capisce), e poter contare su un lungo periodo di pausa impastamenti...
...e come se ne spunta Herr Doktor-doktor?
"Sono meglio i tuoi... questi non si inzuppano".
Inutile spiegare che si trattava di un altro genere, altro tipo di frolla, probabilmente anche altra funzione... il criterio era quello. Il cielo ti renda merito, rispondo io: me ne toccheranno di più! Peró a questo punto il problema di reperire i biscotti da inzuppare, in un momento di pochissima voglia e tempo di farli,  eccolo di ritorno.  Ho fatto una scoperta: i biscotti da latte, in Germania, non esistono. Esistono i frollini, di tutti i tipi e forme; ma non sono quelli. Esistono i biscotti bio denominati Familienkekse, da famiglia, e dev'essere la famiglia dei Puffi, perché ogni biscotto è grande quanto una mo…

"Pasticciotti" natalizi

Auguri a tutti! Buon anno!!!
In questo momento scrivo dall'Italia, causa feste, e pertanto sto facendo incetta di ricette natalizie sìcule. Il 2009 voglio aprirlo con una "chicca", lo squisito pasticciotto ripieno di conserva di zucca, cioccolato e cannella...Ci spostiamo in provincia di Agrigento, a Caltabellotta, dove la ricetta si tramanda di generazione in generazione e la leggenda racconta di memorabili infornate di pasticciotti realizzate da mia nonna e da sua sorella. Certo che dovevano avere il loro fascino, quei tempi oscuri, con il tempo scandito dai ritmi dell'agricoltura e delle feste comandate, ed un Natale da preparare senza televisione e strepiti vari, cioè senza lasciarsi suggerire - o meglio imporre - da quattro imbecilli seduti intorno al tavolo di un Consiglio d'amministrazione cosa pensare, cosa disporre, cosa comprare e via discorrendo. Niente stress, e tranquille sedute di Weihnachtsbaeckerei che accomunavano (e continuano ad accomunare) prof…