martedì 27 febbraio 2018

Apfelstrudel sudtirolese



Questa ricetta avrei dovuto postarla almeno sei mesi fa, per non dire di più, e invece le cose si sono rallentate talmente tanto che ce la ritroviamo ancora tra i piedi... Trattasi dello strudel di mele classico che più non si può, tranne che per una caratteristica fondamentale: quello sudtirolese prevede la pasta frolla, a differenza della versione viennese con la pasta speciale da tirare sottile sottile. 
I nostalgici di epoche austroungariche troveranno lo strudel viennese qui. Questa invece è la ricetta per lo strudel tirolese. Lo preparo secondo la ricetta di Gasteiger e colleghi, tratta dal libro So backt Südtirol, e la tentazione di provarne un'altra non mi ha mai sfiorata perché la trovo perfetta così.

Le dosi sono per uno strudel da 8 pezzi corrispondente alla metà della dose originale, che per le necessità di casa mia è troppo grande (ce lo faremmo fuori tutto in due).

Pasta frolla per strudel:
  • 60 g. di burro a temperatura ambiente;
  • 50 g. di zucchero a velo;
  • un po' di buccia grattugiata di limone;
  • una bustina di zucchero vanigliato;
  • un uovo M, sbattuto a parte e pesato;
  • un cucchiaio di panna o latte;
  • 150 g. di farina;
  • due cucchiaini di lievito in polvere;
  • un pizzico di sale.
Lavorare rapidamente il burro a crema con lo zucchero e gli aromi, fino a quando non si vedono più pezzetti di burro. Aggiungere circa la metà dell'uovo (con il resto ci lucidate lo strudel finito prima d'infornarlo), la panna, seguiti da farina, lievito setacciato e sale e impastare, sempre rapidamente, fino a ottenere una pasta che avvolgerete in pellicola e lascerete riposare in frigo per un'ora.
Questa pasta è facile da stendere, non si appiccica. Compiere questa operazione su un foglio di carta forno vi aiuterà ad avvolgere il dolce ed a trasferirlo in forno.


Ripieno:
  • 400 g. di mele Golden o Jonagold
  • 20 g. di pangrattato tostato in 1 cucchiaio di burro
  • 60 g. di zucchero
  • 20 g. di burro, supplementari
  • 20 g. di uvetta passa
  • 15 g. di pinoli
  • 15 g. di mandorle tritate
  • 10 g. di noci tritate
  • 2 cucchiai di rum
  • zucchero vanigliato, 1 bustina
  • 1/2 cucchiaino di cannella
  • un po' di buccia grattugiata di limone
Sbucciare le mele, togliere il torsolo e tagliarle a fette. Fare caramellare lo zucchero a secco in un tegame basso e largo, aggiungere le mele ed i 20 g. di burro supplementari e lasciare che si rivestano bene (ci vorranno 2 minuti). Lasciarle raffreddare e poi mescolarle al resto degli ingredienti.
Stendere la pasta frolla, distribuire il ripieno e avvolgere. 
Spennellare con il resto dell'uovo diluito con un po' di latte, decorare con eventuali ritagli e cuocere a 180º per circa 40 minuti. Si serve spolverato di zucchero a velo e accompagnato da salsa alla vaniglia (come in foto), o panna semi-montata con una presa di cannella.

1 commento:

Babà a lievitazione naturale

La ricetta del babà con il lievito di birra l'ho già pubblicata molto tempo fa in questo post. A quei tempi il fido Frankenstei...