martedì 27 febbraio 2018

Pie di mele alla svedese



Fosse per le fotografie, io il blog l'avrei chiuso da un pezzo, perché sono rimasta indietro a quando i blog di cucina esistevano soprattutto per scambiare ricette e imparare nuove cose; quindi le mie di solito fanno schifo (le foto dico, non le ricette...), ma queste le ho fatte apposta; in Svezia d'inverno c'è buio peggio che qui che già è quanto dire, e volevo appunto creare l'atmosfera scandinava.
L'origine svedese del dolce l'ho scoperta indagando, perché la ricetta (americana) me la dava come svizzera; mi è venuta la curiosità e così sono arrivata alla soluzione dell'enigma.

La cosa non ci importa più di tanto; quello che ci importa è che è facilissima! L'operazione più complicata sarà sbucciare le mele, la pasta possono farla anche i bambini. 
Servono
  • 8 mele a fettine
  • 1 cucchiaio di zucchero misto con 1 cucchiaino di cannella
  • 1 cucchiaino di buccia di limone ed uno di succo
  • una bustina di zucchero vanigliato
  • 150 g. di burro fuso
  • 80 g. di zucchero
  • 1/4 di cucchiaino di sale
  • 1 uovo
  • 130 g. di farina 0 (per tutti gli usi)
Ungere uno stampo standard da 20 cm. Mescolare le fettine di mela con la miscela zucchero-cannella, la buccia ed il succo del limone e lo zucchero vanigliato e riempire lo stampo. 
A parte, in una ciotola, mescolare con la frusta a mano il burro fuso, lo zucchero e l'uovo. Aggiungere la farina e mescolare fino a ottenere una pastella omogenea. Versare sulle mele e livellare il più possibile. Cuocere a 180º per 45-50 minuti. Volendo, servire con gelato alla vaniglia.


2 commenti:

  1. Sono pazza per i dolci con le mele; questo pie mi manca, per cui prestissimo lo testerò!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È buono e la cosa migliore è che riesce sempre, a prova di stanchezza, giornate lunghe, telefonate al momento d'infornare...

      Elimina

Crostata di ciliegie con pasta Maddalena, fuori stagione!

Racconta la leggenda che quando ero piccola, nel mese di agosto, volessi mettermi il cappotto, e per conseguenza pretendessi di...