Bagels


Stasera pensavo agli Stati Uniti, per varie ragioni, non tutte divertenti: e allora ho preparato, sull'onda della nostalgia, i bagels: i panini a ciambellina che si lessano prima della cottura e si possono mangiare da soli o tagliati a metà e spalmati con il cream cheese, come dire il Philadelphia; comunissimi per merenda a scuola come da noi la Kinder Brioss - ma c'è ancora? - e la banana nel cestino dell'asilo.
Perché si chiamino così è cosa tutt'altro che pacifica, e affonda nella leggenda. Qualcuno dice che il primo panino di questo tipo fu prodotto alla fine del Seicento, in Austria, a titolo di tributo al re di Polonia Jan Sobieski, che aveva salvato la nazione da un assalto di Turchi, e fu chiamato bagel da beugal, la staffa da cavallo, perché il re era un noto cavaliere. Pare che non sia vero, ma il legame con la Polonia resta: i panini sarebbero stati diffusi già molto prima nella città di Cracovia. In particolare, erano molto apprezzati dalla comunità ebraica, e così si spiega l'approdo negli Stati Uniti, dove nei primi del Novecento fu fondata addirittura un'Associazione Internazionale Fornai produttori di bagels!
In Europa, ogni tanto, i bagels si trovano , nei supermercati, ma non mi ispirano, dopo aver provato quelli "veri": sono precotti, in sacchetto. In ogni caso, vi assicuro che provata questa ricetta non viene più voglia di andare a comprarseli: sono assai più soffici e senza il sospetto tristissimo di essere pieni di strutto e simili. Allora, partiamo con
  • 350 g. di farina Manitoba (#550);
  • 15 g. di lievito di birra o 1 cucchiaio di lievito secco attivo;
  • 1 cucchiaio di zucchero;
  • 1 cucchiaio di olio vegetale;
  • 2 cucchiaini di malto (indispensabile, il miele non va bene);
  • 2 cucchiaini di sale;
  • 150-170 g. di acqua calda (45º).
Mescolate gli ingredienti e impastate a lungo; se usate il lievito secco seguite le istruzioni e in caso aggiungetelo direttamente alla farina, se no sciogliete il lievito nell'acqua con lo zucchero ed il malto. Ottenuta una palla di pasta morbida ma non molle né appiccicosa mettetela a lievitare in forno spento, coperta, per circa un'ora.
Dopo un'ora potrete aggiungere, se vi va, altri ingredienti, come mirtilli, cipollotto, pepite di cioccolato, cranberries secchi, a seconda se vi interessano bagels salati o più tendenti al dolce. Fate le ciambelle e mettetele a lievitare su carta forno infarinata o su un telo, sempre infarinato. Questa della farina è una mossa che vi faciliterà nel sollevare i panini evitando di rovinarne la forma, come ho fatto io stasera, che pensando ad altro ho dimenticato questo passaggio.
Quando i bagels sono raddoppiati di volume preparate l'acqua per la lessatura, riempiendo un pentolino con acqua, 1 cucchiaio di malto e 1 di sale; quando bolle immergete i panini e lasciateli cuocere un minuto per lato, uno per volta. Fateli asciugare per pochi secondi su un tessuto,. Questo è il momento di spargere eventuali semini: sesamo, papavero, cumino, o tutti insieme - per ottenere il cosiddetto tipo everything. Poi metteteli in forno preriscaldato e state a gustarvi il profumo: dovranno cuocere a 220º per una decina di minuti.

Commenti

  1. buoni li devo rifare che è da molto tempo !

    RispondiElimina
  2. che favola!!!
    buonissimi,sei stata ingambissima!!

    RispondiElimina
  3. complimenti sono molto carini questi dolci

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Biscotto materano da latte

Giammelle d'uova, alias: savoiardo giulianese

"Pasticciotti" natalizi