Cream Scones I


Poco tempo fa ho comprato, in preda a nostalgie statunitensi, uno scone al panificio sotto casa. Mi ricordavo di queste paste da té inglesi, morbide, con una consistenza a metà tra la pasta frolla e la torta, che ogni tanto compravo al supermercato californiano Andronico's, quando non mi andava di prepararli io, ma mi sono presa la fregatura: un'imitazione peggiore non poteva capitarmi. Una pietra - nemmeno vagamente somigliante, dico io, con tanti deliziosi prodotti della pasticceria teutonica, perché devono mettersi a fare anche quelli anglosassoni?
Qualche giorno dopo, nel frigo una confezione di panna che bisognava terminare, ho deciso che chi fa da sé fa per tre, e rispolverato la ricetta americana: ora sì che ci siamo... e poi sono di facilità estrema: anzi, per la buona riuscita - cioè per ottenere scones teneri e non da tirare con la fionda come quello che ho comprato io - il segreto è: mano leggera, tempi rapidi, e via in forno immediatamente. Con questa dose potrete prepararne sei, o dodici se piccolini.
  • 315 g. di farina;
  • 60 g. di zucchero semolato;
  • 1 cucchiaio di lievito per dolci;
  • 1/2 cucchiaino di sale;
  • 2 cucchiaini di zeste di limone grattugiato;
  • 90 g. di burro freddo, a pezzettini;
  • una bustina di zucchero vanigliato o vanillina;
  • 180 ml. di panna da montare + 2 cucchiai;
  • 1 cucchiaio di zucchero di canna;
  • 1 cucchiaino di cannella.
  • a piacere: mirtilli (90 g.), uvetta, mela a pezzetti, mela secca o gocce di cioccolato.
Preriscaldate il forno a 220º. In un recipiente mescolate farina, zucchero, sale, lievito, buccia di limone e vanillina. Unite i pezzetti di burro rapidamente fino a quando la miscela non forma briciole grandi come piselli. A questo punto è il momento di aggiungere gli ingredienti "caratterizzanti", cioè i mirtilli o la mela, o quello che volete - io ho usato due cucchiai di marmellata di lamponi, perché ce l'avevo sotto mano...
Poi versate la panna e mescolate per pochi secondi con il mixer o con la mano, giusto per impregnare gli ingredienti asciutti e ottenere una pasta compatta, non di più.
Riversate la pasta su una superficie leggermente infarinata e schiacciatela in un disco di circa 16 cm. di diametro. Suddividetelo in 6 fette, oppure porzionate la pasta con un bicchiere se preferite degli scones rotondi; posizionateli a un paio di centimetri l'uno dall'altro sulla teglia e spennellateli con i due cucchiai di panna rimasti, per poi spargervi sopra lo zucchero di canna miscelato con la cannella. Lasciateli cuocere finché sono dorati uniformemente, circa un quarto d'ora. Tradizionalmente si servono tiepidi, aperti e farciti con marmellata di frutta, crema di latte o lemon curd, ma anche "nature" sono buonissimi, anzi vi dirò che li preparo più piccoli proprio per lasciarli così!

Commenti

Post popolari in questo blog

Biscotto materano da latte

Giammelle d'uova, alias: savoiardo giulianese

"Pasticciotti" natalizi