La granita di limone col limone!


Col clima che c'è qui adesso, non sarebbe proprio il caso di parlarne... sembra inverno inoltrato, ma qualche giorno fa non era così: anzi, tutto il contrario. Perciò avevo inaugurato ufficialmente la stagione estiva con un omaggio alla Sicilia e, almeno nelle intenzioni, all'amica Titti che mi ha regalato i limoni sicilianissimi con cui ho preparato la Granita.
La Granita con la G maiuscola è quella di limone, nonostante si trovino varianti di tutti i gusti. Eventualmente c'è spazio per quella di caffé, per cui devo però inchinarmi davanti ai messinesi: il viaggiatore, solitario o no, che percorre la statale Palermo-Messina e, sconcertato dalle curve, maledice il momento in cui non si è ricordato che adesso c'è anche l'autostrada, può trovare facilmente ristoro se si ferma in uno dei paesi che incontra e si siede da qualche parte a gustarsi una granita di caffé, con la panna e la brioscia. A Caronia Marina, per esempio. 
Ma andiamo alla mia, di granita: che segue una ricetta basata su quella di mia nonna, e integrata con un prezioso consiglio della simpatica zia Franca per la conservazione. Ed è fatta con il limone, quello vero - lo dico con buona pace dei sorbetti commerciali con pubblicità di ambientazione sicula e anche di certe granite da bar che, profumate con l'aroma artificiale, ricordano piuttosto il detersivo dei piatti...
Preparate uno sciroppo, con due bicchieri d'acqua e quattro cucchiai di fruttosio. Anche tre, se vi piace il gusto più aspro. Non c'è bisogno di farlo restringere troppo, serve giusto per lasciar sciogliere bene i cristalli di zucchero.  Unite lo sciroppo al succo di sei limoni piccoli, biologici (sono più profumati), e a questo punto, se avete intenzione di servire subito la granita, versatela nella gelatiera, mettete in azione l'apparecchio e la pazienza per aspettare. Se non ce l'avete, oppure se non vi serve la granita nell'immediato, ecco che interviene il consiglio di zia Franca: versate in un recipiente da freezer, congelate per un paio d'ore e quando il liquido si è quasi del tutto solidificato, frantumatelo con un frullatore ad immersione e rimettetelo in freezer. In questo modo la granita resterà granita, cioè non diventerà un blocco e potrete porzionarla molto facilmente in qualsiasi momento. Servitela sulle fragole o sull'ananas, e sentirete...

Commenti

  1. Quando ho letto il titolo ho pensato "perché come si dovrebbe fare?" Poi ho letto il tuo post e ho capito! Comunque anche io faccio come tua zia, ma da quando ho assagiato la granita di mandorle, devo dirti che la preferisco e quella al limone è stata quasi del tutto soppiantata! Me ne mangerei comunque una adesso, perché qui invece c'è un caldo!

    RispondiElimina
  2. Buonisiismo questa grnaita!!
    al limone ci piace ancora di più!!
    baci baci

    RispondiElimina
  3. mi ci vorrebbe proprio una granita!!

    RispondiElimina
  4. Il tuo blog ha attirato la nostra attenzione per la qualita delle sue ricette.
    Saremmo felici se lo registrassi su Ptitchef.com in modo da poterlo indicizzare.

    Ptitchef e un sito che fa riferimento ai migliori siti di cucina del
    Web. Centinaia di blog sono gia iscritti ed utilizzano Ptitchef per
    farsi conoscere.

    Per effettuare l'iscrizione su Ptitchef, bisogna andare su
    http://it.petitchef.com/?obj=front&action=site_ajout_form oppure su
    http://it.petitchef.com e cliccare su "Inserisci il tuo blog - sito"
    nella barra in alto.

    Ti inviamo i nostri migliori saluti

    Vincent
    Petitchef.com

    RispondiElimina

Posta un commento