Laugenbrötchen

In questo momento vado a rilento, a causa studio: quello per lavoro, e va bé, e quello per diletto che sta prendendo persino più tempo, causa un entusiasmo sfegatato che la mia generazione ha conosciuto solo ai concerti dei Duran Duran, nei lontani e luccicanti anni Ottanta. Il panino della foto attendeva la pubblicazione da una settimana... Si tratta di un Laugenbrötchen, tipo di pane morbido molto diffuso in Germania e anche, per quanto ne so, nell'Alto Adige. La caratteristica di questo pane è che prima della cottura viene lessato, al pari del cugino americano Bagel, in una soluzione al bicarbonato, che conferisce una superficie lucida e dal sapore particolare. Veramente si dovrebbe usare l'idrossido di sodio, ma non è esattamente la cosa più semplice da trovare quando uno decide di preparare i panini per cena, e anche il bicarbonato "da casa" funziona abbastanza bene. Ecco le dosi per circa 800 g. di pasta, dal solito So backt Südtirol - uno dei pochi libri di cucina che vi danno le ricette che funzionano, sempre! Io divido a metà per ottenere sei-sette panini.
  • 350 ml. di latte;
  • 20 g. di miele;
  • 20 g. di lievito di birra;
  • 500 g. di farina;
  • 20 g. di burro;
  • 10 g. di sale.
Miscelare il latte tiepido con il miele e con il lievito e poi aggiungere il liquido alla farina a fontana, con il burro a pezzetti e il sale; impastare fino ad ottenere una pasta morbida, da fare lievitare coperta a circa trentacinque gradi, per un paio d'ore.
Dividere la pasta lievitata in porzioni e formare panini ovali; lasciarli ancora lievitare per 20 minuti. Poco prima della cottura immergerli in una soluzione di 300 ml. di acqua bollente e 4 cucchiai colmi di bicarbonato; inciderli a croce e cospargerli, se si vuole, con del sale grosso; anzi, per dovere di cronaca vi dico che al panificio si vendono col sale... io non lo uso per ragioni di gusti. Fare cuocere in forno preriscaldato a 200º per un quarto d'ora.

Commenti

  1. insolita la cottura in acqua ma sicuramente conferirà al pane una morbidezza unica

    RispondiElimina
  2. la morbidezza è data, credo, pure dalla presenza di un po' di grassi nell'impasto...la cottura in acqua probabilmente contribuisce, è una cosa noiosissima da fare ma poi non te ne penti!

    RispondiElimina
  3. bella ricetta!! molto particolare da provare!!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Biscotto materano da latte

Giammelle d'uova, alias: savoiardo giulianese

"Pasticciotti" natalizi