Amerikaner


Ma guarda un po' se al mondo può esserci gente così scema da lasciar gocciolare del té cinese sulla tastiera del computer senza rendersene conto... Ebbene, c'è: e sta scrivendo in questo momento. Alla tastiera non importava nulla, evidentemente, delle proprietà della mia bevanda macrobiotica: è impazzita e poi si è arresa del tutto. Da buttare! E computer inutilizzabile per qualche giorno. Adesso sto lottando con una tastiera provvisoria per ricordarmi dove sono finiti gli accenti che servono per le parole italiane e darvi la ricetta per preparare gli Amerikaner, che, a differenza della tastiera stessa e a dispetto del nome, americani non sono. Almeno che io sappia. Sono, invece, tra i dolcetti preferiti in Germania, una roba squisita a metà tra il biscotto e la torta. All'inizio li chiamavo i savoiardoni, anche se con i savoiardi non c'entrano nulla.
Qualche mese fa vi ho fornito la ricetta degli Amerikaner alla nocciola. Oggi invece si tratta della versione originale, semplice, con l'unico vezzo della glassa di zucchero. Bisogna anche dire che se li cercate in rete, circola una ricetta che ho trovato in un libro tedesco e provato tre volte prima di capire che, per dirla alla palermitana, non era cosa: non riesce, punto e basta, qualcosa non va e non voglio nemmeno sapere cosa, specie da quando ho trovato questa, collaudatissima, che vi consiglio davvero.
Verranno fuori una quindicina di pezzi, tenuto conto che la versione corrente dell'Amerikaner è grande quanto un piattino da caffé. Ma volendo si possono fare più piccoli - infatti, tra quelli che ho preparato la settimana scorsa, erano "normali" solo quelli per la foto, gli altri erano mignon!
  • 200 g. di farina 00 (#405);
  • 50 g. di amido;
  • 100 g. di burro o margarina;
  • 100 g. di zucchero;
  • un pizzico di sale;
  • 2 uova L;
  • 2 bustine di vanillina;
  • 3 cucchiai di panna (in mancanza, anche latte);
  • 2 cucchiaini di lievito per dolci;
  • buccia grattugiata e succo di un limone bio.
Setacciate la farina con l'amido e il lievito. Sbattete le uova intere con lo zucchero, il sale, la margarina, il sale, la vaniglia e il zeste di limone, e poi aggiungete gli ingredienti asciutti e la panna. Con un cucchiaio prelevate porzioni dell'impasto e formate dei mucchietti sulla teglia rivestita di carta-forno, badando a distanziarli perché si allargheranno molto durante la cottura. Cuocete in forno preriscaldato a 180º per circa venti minuti, considerando comunque che non devono colorirsi molto. Una volta pronti, spennellateli con glassa preparata con zucchero a velo e succo di limone. Quanti siete in casa? attenzione che non durano...

Commenti

Post popolari in questo blog

Biscotto materano da latte

Giammelle d'uova, alias: savoiardo giulianese

"Pasticciotti" natalizi