Passa ai contenuti principali

Gül Tatlısı-Pasticcini in forma di rosa

Ho capito che forse, quando si diceva: Mamma li Turchi! non era per via dei pirati: il pericolo sono i prodotti tipici della loro pasticceria... dolci dolcissimi, sciropposi, alle noci, ai datteri, insomma: per usare un eufemismo, "decisamente nutrienti".
Ho lavorato due giorni interi, e in un momento di pochissimo tempo libero, per una cena con i miei colleghi, ma poi ho avuto il piacere di una bella serata in compagnia in cui non è rimasto quasi nulla! Ulteriore conseguenza positiva, posso finalmente cambiare la fotografia alla ricetta del baba au rhum, che faceva pena (intendo la foto: c'era perfino il piattino di plastica, da picnic!). Un altro dessert erano questi gül Tatlısı alias, parafrasando Pasolini, pasticcini in forma di rosa, dato che non ho nessuna idea di come si pronunci il loro nome in turco.
Le signore turche che conoscono il tedesco sono una benedizione celeste, perché i loro forum e siti personali sono una miniera di informazioni di prima mano su usi e costumi locali in materia di gastronomia. In questo caso la mia fonte principale (ma ho modificato la ricetta aumentando leggermente la quantità di yoghurt nell'impasto, e aggiungendo del liquore allo sciroppo e del sughetto all'arancia per accompagnare) si chiama Sinem.
L'unica è che le quantità, come al solito, sono quelle dettate da mammà e annotate sul foglietto, non parliamo di grammi ed etti. Si va, ahimé, a tazze e bicchieri, e io non posso dirvi altro se non che per tazza possiamo intendere (con me ha funzionato) una normale tazza da té riempita fino a un centimetro dall'orlo. Fatta questa premessa, si inizia con il preparare uno sciroppo, con
  • 3 tazze d'acqua,
  • 2 tazze e mezza di zucchero,
  • 1 cucchiaio di succo di limone,
  • buccia di mezzo limone,
  • 2 chiodi di garofano,
  • semi di vaniglia o un pezzetto di stecca di vaniglia;
portate il tutto a bollore, lasciate sobbollire cinque minuti e poi mettete da parte; quando lo sciroppo è freddo potete, a piacere, aggiungere del Cointreau, ma devo avvertirvi che è una mia idea... i turchi non ce lo mettono, ma secondo me ne vale la pena.
Venendo al sodo, cioè ai pasticcini, avrete la pasta necessaria a formare circa sedici rose preparando una pasta frolla con
  • 1 tazza di semolino fine;
  • 3 tazze e mezza di farina 00 (#405);
  • 1 vasetto di yoghurt naturale, del tipo denso (125 g.)
  • 1/2 vasetto (quello dello yoghurt) di olio di mais;
  • 1 uovo;
  • 100 g. di margarina;
  • 1 cucchiaio di lievito per dolci;
  • 1 bustina di vanillina.
Per formare le rose (la pasta non ha bisogno di riposo e si maneggia con facilità), stendetela su un piano, lasciandola abbastanza alta (diciamo più di mezzo centimetro) e ritagliate con un bicchierino o una tazzina da caffé sei tondini. Questi tondini vanno disposti uno accanto all'altro sovrapponendoli leggermente - per capirci: come nel logo delle Olimpiadi! Poi, partendo dall'untimo, si arrotola la fila di dischetti su se stessa e con un coltello o un tagliapasta si taglia il rotolino a metà: e, sorpresa! avrete due bei boccioli di rosa aperti a dovere.
Adesso è il momento di cuocere le rose in forno già caldo , in una teglia a bordi alti, a 175º per 25 minuti circa. Non appena le tirate fuori, versatevi sopra lo sciroppo freddo, che provocherà uno strano sibilo, zischhh! Questo effetto garantisce la correttezza dell'operazione, perché solo se lo sciroppo è freddo e le rose sono appena cotte si inzupperanno per benino. Lasciatele nella teglia versandovi sopra di tanto in tanto il loro sciroppo, a cucchiaiate; dopo un po' si potrà anche pungerle nella parte inferiore per imbeverle meglio. Quelle della foto sono decorate con mandorle, cocco e cannella; in Turchia usano anche aggiungere all'impasto del colorante alimentare rosso per maggiore realismo. Si servono dopo un lungo riposo (meglio l'indomani), da sole o accompagnate da yoghurt, panna o coulis di frutta.

Commenti

  1. Hai proprio ragione!!!MAMMA LI TURCHI!!!non c'è altra esclamazione per queste roselline...la bocca ne è già piena!!Sono davvero molto belle, ma soprattutto sqi-si-te!!!

    RispondiElimina
  2. In una altra vita dovevo essere sicuramente turca...

    RispondiElimina
  3. Complimenti per il blogSaluti dal Mondo di Pasticceria di fantasia

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Paste svizzere

Vado in Italia? E allora non può mancare! Parlo della ricetta antica, che arriva a voi direttamente da zia Elisabetta. Stavolta abbiamo pensato di rifare queste paste, che non so che rapporto abbiano con la Svizzera, ma così erano chiamate a Caltabellotta, provincia di Agrigento, al tempo di Colapesce: anzi, paste suizzere, con la u. Si preparavano nel forno a legna, ma anche in quello di casa hanno un'ottima riuscita. Non seguite la tentazione di cuocerle negli stampini monoporzione: rispetto a quello "moderno" dei muffins, l'impasto è più pesante, non cuocerebbe bene e vi lascerebbe delusi. La zia mi ha dato la dose per un chilo di farina, ma se non siete titolari di casa-famiglia o economi del convento, vi consiglio almeno di dimezzarla: già con 500 g. ne ottengo davvero tante, per cui sentitevi liberi di dimezzare anche le quantità che vi indico io. 500 g. di farina 00 (#405); 2 uova; 300 ml. di latte; 20 g. di ammoniaca per dolci; un pizzico di bicarbonato; 70 g. di s…

Biscotto materano da latte

Dunque io torno dalla Grecia con un chilo di biscotti greci del panificio grecissimo, con lo scopo di combattere le nostalgie, approfondire lo studio della produzione locale (a scopo pirateria, si capisce), e poter contare su un lungo periodo di pausa impastamenti...
...e come se ne spunta Herr Doktor-doktor?
"Sono meglio i tuoi... questi non si inzuppano".
Inutile spiegare che si trattava di un altro genere, altro tipo di frolla, probabilmente anche altra funzione... il criterio era quello. Il cielo ti renda merito, rispondo io: me ne toccheranno di più! Peró a questo punto il problema di reperire i biscotti da inzuppare, in un momento di pochissima voglia e tempo di farli,  eccolo di ritorno.  Ho fatto una scoperta: i biscotti da latte, in Germania, non esistono. Esistono i frollini, di tutti i tipi e forme; ma non sono quelli. Esistono i biscotti bio denominati Familienkekse, da famiglia, e dev'essere la famiglia dei Puffi, perché ogni biscotto è grande quanto una mo…

"Pasticciotti" natalizi

Auguri a tutti! Buon anno!!!
In questo momento scrivo dall'Italia, causa feste, e pertanto sto facendo incetta di ricette natalizie sìcule. Il 2009 voglio aprirlo con una "chicca", lo squisito pasticciotto ripieno di conserva di zucca, cioccolato e cannella...Ci spostiamo in provincia di Agrigento, a Caltabellotta, dove la ricetta si tramanda di generazione in generazione e la leggenda racconta di memorabili infornate di pasticciotti realizzate da mia nonna e da sua sorella. Certo che dovevano avere il loro fascino, quei tempi oscuri, con il tempo scandito dai ritmi dell'agricoltura e delle feste comandate, ed un Natale da preparare senza televisione e strepiti vari, cioè senza lasciarsi suggerire - o meglio imporre - da quattro imbecilli seduti intorno al tavolo di un Consiglio d'amministrazione cosa pensare, cosa disporre, cosa comprare e via discorrendo. Niente stress, e tranquille sedute di Weihnachtsbaeckerei che accomunavano (e continuano ad accomunare) prof…