Passa ai contenuti principali

Biscotti (taroccati) al cioccolato e nocciole


Voi ce l'avete il vicino di casa "furbo"? Una figura che non manca mai in qualsiasi condominio che si rispetti, un po' come il vicino di casa di Paperino. Quello che lui sì che sa fare la spesa, lui sì che non si fa prendere in giro: ha scoperto che nello stabilimento a pochi chilometri da casa producono la pasta per la marca che costa di più e per quella che costa meno, e quindi lui ovvio che compra la seconda: se è prodotta nello stesso posto, ci vogliono buggerare... Salvo che poi, quando la cuoce, si ritrova con una specie di fanghiglia buona per l'ospedale o per incollare i manifesti in tempo d'elezioni, perché i proprietari dello stabilimento sono più furbi di lui e utilizzano due miscele di grano diverse... Bene, io rifuggo assolutamente da questo tipo di furbizia: ma anche dall'ingenuità di credere che quando le "grandi marche" pubblicano la ricetta "provate anche voi", siano così cretini da divulgare quella che viene custodita in chissà che caveau. Infatti con la ricetta dei Pan di Stelle ho sbattuto il muso, per così dire, contro il fatto che risultavano duri, ma così duri che mi sono arrabbiata e li ho ritaroccati aggiustando le dosi: e stavolta ci siamo. Provate, costano molto meno, specialmente perché con mezzo chilo di farina ne avrete un quantitativo che basta per un battaglione. Infatti io mi sono stufata di ritagliare e ho surgelato metà impasto.
  • 500 g. di farina 00 (#405);
  • 2 cucchiai di miele;
  • 30 g. di cioccolato fondente fuso;
  • 20 g. di cacao amaro;
  • 1 uovo L;
  • 80 g. di burro;
  • 100 g. di margarina;
  • 260 g. di zucchero a velo (indispensabile altrimenti la friabilità non è la stessa);
  • 1 bustina di lievito;
  • un pizzico di ammoniaca;
  • un pizzico di sale;
  • 20 g. di nocciole tostate e spellate;
  • eventualmente un po' di latte per impastare.
Partiamo dalle nocciole, da macinare con un po' di zucchero molto finemente. Otterremo una specie di pasta da mettere da parte. Poi lavoriamo burro e margarina con lo zucchero a velo e aggiungiamo l'uovo e il miele; una volta emulsionato bene il composto aggiungiamo il cioccolato fuso, le nocciole e la farina con lievito e ammoniaca.
Stendiamo l'impasto a 3-4 mm. e ritagliamo i biscotti con uno stampino rotondo. Vanno in forno a 180 g. per circa dieci minuti. Una volta freddi possono essere decorati con glassa di zucchero (preparata con zucchero a velo ed acqua o zucchero a velo ed albume) fino ad esaurimento della glassa e/o della pazienza del decoratore. Buonissimi da soli - in versione amarcord, di quando a quindici anni li divoravo facendo quei pochi compiti che avevo voglia di fare o leggendo le diecimila cose che piacevano a me ma a scuola non si leggevano - oppure nel latte caldo.

Commenti

  1. Allora pensi che se li faccio al cucciolo che tu conosci, gli piaceranno tanto quanto a te? Perchè anche lui ama mangiare così i biscotti in purezza a merenda e leggere solo quello che gli va, che non coincide mai con i libri di scuola... Evviva i biscotti taroccati!!!

    RispondiElimina
  2. allora mi sa tanto che gli piaceranno: andiamo d'accordo!!!

    RispondiElimina
  3. Ottimi biscotti Antonella, piaceranno tanto anche a me... altro che quelli commerciali! Baci. Deborah

    RispondiElimina
  4. ma che belli!!!Altro che taroccati!Questi sono inimitabili!!!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Paste svizzere

Vado in Italia? E allora non può mancare! Parlo della ricetta antica, che arriva a voi direttamente da zia Elisabetta. Stavolta abbiamo pensato di rifare queste paste, che non so che rapporto abbiano con la Svizzera, ma così erano chiamate a Caltabellotta, provincia di Agrigento, al tempo di Colapesce: anzi, paste suizzere, con la u. Si preparavano nel forno a legna, ma anche in quello di casa hanno un'ottima riuscita. Non seguite la tentazione di cuocerle negli stampini monoporzione: rispetto a quello "moderno" dei muffins, l'impasto è più pesante, non cuocerebbe bene e vi lascerebbe delusi. La zia mi ha dato la dose per un chilo di farina, ma se non siete titolari di casa-famiglia o economi del convento, vi consiglio almeno di dimezzarla: già con 500 g. ne ottengo davvero tante, per cui sentitevi liberi di dimezzare anche le quantità che vi indico io. 500 g. di farina 00 (#405); 2 uova; 300 ml. di latte; 20 g. di ammoniaca per dolci; un pizzico di bicarbonato; 70 g. di s…

Biscotto materano da latte

Dunque io torno dalla Grecia con un chilo di biscotti greci del panificio grecissimo, con lo scopo di combattere le nostalgie, approfondire lo studio della produzione locale (a scopo pirateria, si capisce), e poter contare su un lungo periodo di pausa impastamenti...
...e come se ne spunta Herr Doktor-doktor?
"Sono meglio i tuoi... questi non si inzuppano".
Inutile spiegare che si trattava di un altro genere, altro tipo di frolla, probabilmente anche altra funzione... il criterio era quello. Il cielo ti renda merito, rispondo io: me ne toccheranno di più! Peró a questo punto il problema di reperire i biscotti da inzuppare, in un momento di pochissima voglia e tempo di farli,  eccolo di ritorno.  Ho fatto una scoperta: i biscotti da latte, in Germania, non esistono. Esistono i frollini, di tutti i tipi e forme; ma non sono quelli. Esistono i biscotti bio denominati Familienkekse, da famiglia, e dev'essere la famiglia dei Puffi, perché ogni biscotto è grande quanto una mo…

"Pasticciotti" natalizi

Auguri a tutti! Buon anno!!!
In questo momento scrivo dall'Italia, causa feste, e pertanto sto facendo incetta di ricette natalizie sìcule. Il 2009 voglio aprirlo con una "chicca", lo squisito pasticciotto ripieno di conserva di zucca, cioccolato e cannella...Ci spostiamo in provincia di Agrigento, a Caltabellotta, dove la ricetta si tramanda di generazione in generazione e la leggenda racconta di memorabili infornate di pasticciotti realizzate da mia nonna e da sua sorella. Certo che dovevano avere il loro fascino, quei tempi oscuri, con il tempo scandito dai ritmi dell'agricoltura e delle feste comandate, ed un Natale da preparare senza televisione e strepiti vari, cioè senza lasciarsi suggerire - o meglio imporre - da quattro imbecilli seduti intorno al tavolo di un Consiglio d'amministrazione cosa pensare, cosa disporre, cosa comprare e via discorrendo. Niente stress, e tranquille sedute di Weihnachtsbaeckerei che accomunavano (e continuano ad accomunare) prof…