Passa ai contenuti principali

Torta allo yoghurt e fichi




Ecco una ricettina facile facile dall'Italia... si vede dagli ingredienti: sono reduce da una bella vacanza a Salina, e mi sto godendo adesso gli ultimi giorni palermitani. Bisogna sapere che le mie ferie nelle isolette, che siano in Grecia, in Italia o dove volete voi, presentano un aspetto trasgressivo notevolissimo... la raccolta dei fichi non appena se ne presenti l'occasione. Abbiamo controllato perfino il codice civile: tutto a posto, si può. E allora vai, occhio di lince e attenzione massima per avvistare possibili ficàre con frutti maturi.
Una volta a Palermo il concorso di due fattori imprevisti ha fatto crollare il mio proposito di non mettere mani nella farina per almeno un mese: la presenza in casa di una confezione maxi di yoghurt bianco, e di una certa quantità di fichi, questa volta regalo dell'amica Titti. Le confezioni famiglia di yoghurt hanno di brutto che stufano, se la famiglia è microscopica come quando siamo su a Berlino, o se nessuno è disposto a condividerlo, come in casa dei miei: e allora mi sono inventata di sana pianta una versione della torta allo yoghurt del genere settevasetti, un gioco da ragazzi che è riuscito benissimo al primo colpo, per cui eccolo qua: se volete provare prima che sia finita la stagione dei fichi, non ve ne pentirete. Quella della foto è una torta piccina da 22 centimetri realizzata con mezza dose, ma con la dose completa potrete ottenerne una grande oppure preparare una ciambella decorandola allo stesso modo. Per misurare gli ingredienti stavolta procederemo "alla femminina", usando come dosatore un vasetto di yoghurt di quelli comunemente in vendita in Italia, da 150 ml.
  • 2 vasetti di yoghurt bianco intero;
  • 5 vasetti di farina 00 (#405);
  • 2 vasetti e mezzo di zucchero semolato;
  • un vasetto di olio d'oliva dal gusto delicato (anche di semi va bene)
  • la punta di un cucchiaino di semini di vaniglia; in alternativa una bustina di vanillina;
  • buccia grattugiata di un limone;
  • una bustina di lievito per dolci;
  • un pizzico di sale;
  • 4 uova M o 3 L;
  • 5-6 fichi bianchi, maturi;
  • due cucchiai di zucchero di canna.

Io non mi fido molto del procedimento "butta tutto nel robot e scappa", che uso solo in casi collaudatissimi, e perciò parto dalle uova intere, che monto con lo zucchero, il sale e gli aromi per poi aggiungere lo yoghurt alternandolo alla farina setacciata con il lievito e all'olio versato a filo. L'impasto si versa nello stampo unto ed infarinato, e si completa con i fichi tagliati a spicchi, lasciandovi la buccia (oltre a non fare affondare i fichi, la buccia riduce l'assorbimento degli zuccheri, ed è un aspetto da non trascurare!). Per finire, si cosparge il dolce di zucchero di canna e si cuoce in forno caldo a 175° per 40-45 minuti.

Buone vacanze... a risentirci da Berlino, dove a quanto pare piove... e te pareva.

Commenti

  1. Favolosa anche questa, complimenti! Scrivo poco, sbircio molto e soprattutto, da te, copio tantissimo: tutte le tue ricette hanno avuto un'ottima riuscita, proverò sicuramente anche questa, grazie!!

    RispondiElimina
  2. Mia cara, pure da Palermo ci riservi prelibatezze... e io la farò appena torno!!! Baci e dicembre!!!!!!

    RispondiElimina
  3. Io questa l'ho fatta, seppur personalizzando un tantino la tua ricetta, ed è di una bontà stratosferica! Già la torta vasetto è buona di suo, con i fichi diventa celestiale.
    Grazie per l'ottimo spunto, molto molto apprezzato... prossimamente ne parlerò anch'io sul mio blog!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Paste svizzere

Vado in Italia? E allora non può mancare! Parlo della ricetta antica, che arriva a voi direttamente da zia Elisabetta. Stavolta abbiamo pensato di rifare queste paste, che non so che rapporto abbiano con la Svizzera, ma così erano chiamate a Caltabellotta, provincia di Agrigento, al tempo di Colapesce: anzi, paste suizzere, con la u. Si preparavano nel forno a legna, ma anche in quello di casa hanno un'ottima riuscita. Non seguite la tentazione di cuocerle negli stampini monoporzione: rispetto a quello "moderno" dei muffins, l'impasto è più pesante, non cuocerebbe bene e vi lascerebbe delusi. La zia mi ha dato la dose per un chilo di farina, ma se non siete titolari di casa-famiglia o economi del convento, vi consiglio almeno di dimezzarla: già con 500 g. ne ottengo davvero tante, per cui sentitevi liberi di dimezzare anche le quantità che vi indico io. 500 g. di farina 00 (#405); 2 uova; 300 ml. di latte; 20 g. di ammoniaca per dolci; un pizzico di bicarbonato; 70 g. di s…

Biscotto materano da latte

Dunque io torno dalla Grecia con un chilo di biscotti greci del panificio grecissimo, con lo scopo di combattere le nostalgie, approfondire lo studio della produzione locale (a scopo pirateria, si capisce), e poter contare su un lungo periodo di pausa impastamenti...
...e come se ne spunta Herr Doktor-doktor?
"Sono meglio i tuoi... questi non si inzuppano".
Inutile spiegare che si trattava di un altro genere, altro tipo di frolla, probabilmente anche altra funzione... il criterio era quello. Il cielo ti renda merito, rispondo io: me ne toccheranno di più! Peró a questo punto il problema di reperire i biscotti da inzuppare, in un momento di pochissima voglia e tempo di farli,  eccolo di ritorno.  Ho fatto una scoperta: i biscotti da latte, in Germania, non esistono. Esistono i frollini, di tutti i tipi e forme; ma non sono quelli. Esistono i biscotti bio denominati Familienkekse, da famiglia, e dev'essere la famiglia dei Puffi, perché ogni biscotto è grande quanto una mo…

"Pasticciotti" natalizi

Auguri a tutti! Buon anno!!!
In questo momento scrivo dall'Italia, causa feste, e pertanto sto facendo incetta di ricette natalizie sìcule. Il 2009 voglio aprirlo con una "chicca", lo squisito pasticciotto ripieno di conserva di zucca, cioccolato e cannella...Ci spostiamo in provincia di Agrigento, a Caltabellotta, dove la ricetta si tramanda di generazione in generazione e la leggenda racconta di memorabili infornate di pasticciotti realizzate da mia nonna e da sua sorella. Certo che dovevano avere il loro fascino, quei tempi oscuri, con il tempo scandito dai ritmi dell'agricoltura e delle feste comandate, ed un Natale da preparare senza televisione e strepiti vari, cioè senza lasciarsi suggerire - o meglio imporre - da quattro imbecilli seduti intorno al tavolo di un Consiglio d'amministrazione cosa pensare, cosa disporre, cosa comprare e via discorrendo. Niente stress, e tranquille sedute di Weihnachtsbaeckerei che accomunavano (e continuano ad accomunare) prof…