Passa ai contenuti principali

Torta Barozzi

Eh no che non è un brownie! Di quelli parliamo un'altra volta. Oggi tocca alla torta Barozzi: che è un po' come la Coca Cola e la Sachertorte, visto che la ricetta originale è custodita più che gelosamente dalla pasticceria Gollini di Vignola, ma noi siamo per l'arte di arrangiarsi: e ci arrangiamo con questa ricetta, che, se avrete cura di fare attenzione ai tempi di cottura, vi darà una buona versione della celebre sinfonia di cioccolato e caffé intitolata al signor Jacopo Barozzi. Per la cronaca, Barozzi - Jacopo Barozzi - era un architetto modenese del secolo scorso, di cui non so altro!
  • 200 g. di zucchero;
  • 40 g. di mandorle, di cui una quindicina amare, leggermente tostate e macinate in farina;
  • 30 g. di arachidi, tostate (ma non quelle dell'aperitivo... senza sale!!!)  macinate in farina;
  • 120 g. di burro a temperatura ambiente;
  • 50 g. di cacao amaro;
  • 20 g. di caffé in polvere;
  • 350 g. di cioccolato fondente;
  • 3 uova M.
Sarà mai stato, il signor Gollini sr., negli Stati Uniti? Amici, parenti, ex fidanzate/i americani? Boh. Una certa affinità col brownie, non si può negare, e se qualcuno, specie non vignolese o modenese, vi dirà: che buono che era il tuo brownie, non prendetevela! Anche la lavorazione è sostanzialmente molto simile: cominciamo con il lavorare a crema burro e zucchero e poi aggiungiamo il cioccolato fuso, ovviamente intiepidito, le uova, il cacao miscelato con il caffé in polvere e le mandorle macinate.  Dopo qualche tentativo e varie arrabbiature posso confermare che per caffé in polvere dovete usare quello normale, non solubile, altrimenti l'aroma si sente appena, e invece deve fare la sua parte!
Si cuoce come la caprese, in uno stampo rettangolare a bordi bassi, a 175º per circa 35 minuti: è da evitare assolutamente che il dolce si asciughi troppo. Meglio la Barozzi underbaked che rovinata (m'è successo anche quello!) dall'eccesso di zelo, diventa una specie di caramella che s'appiccica ai denti, Si serve a quadri, con o senza una spolverata di zucchero a velo (che nell'originale non c'è), e si conserva per qualche giorno avvolta in stagnola, ma non in frigo.

Commenti

  1. buonissima!ho voglia di fare un dolce!

    RispondiElimina
  2. Avevo visto anche altrove questa torta Barozzi, e sapevo della ricetta originale che è top secret, ma questa tua ha un aspetto che mi fa una gola indicibile. Due domande:
    - ma dove le trovi le mandorle amare?
    - per "caffé in polvere" intendi quello solubile?

    RispondiElimina
  3. Eh sì,è buona! provala... Le mandorle amare le trovo al supermercato biologico tipo Natura Sì. Se non mi sbaglio, ci sono della Rapunzel, sono vendute in sacchetti piccoli piccoli con la dicitura: mandorle amare solo per uso pasticceria.
    In alternativa, puoi usare secondo me anche mandorle tutte normali con una goccia di olio di mandorle, che porta l'aroma, ma se non si sta attenti poi si esagera e sa tutto di bagnoschiuma...
    Per il caffé sì, io uso quello solubile! Buon divertimento se provi a fare la torta. Io non ho tempo da mesi: quella della foto risale a luglio!

    RispondiElimina
  4. Ciclicamente ho una gola di cibi cioccolatosi...come adesso...e che tortura guardarli solo in foto!!!! :((

    RispondiElimina
  5. Grazie per le indicazioni sulle mandorle amare! Qui dove abito io non ci sono negozi NaturaSì, ma so dove poter trovare i prodotti Rapunzel. In effetti, le mandorle amare sfuse le potrei trovare anche al mercato coperto, ma mi rimae scomodo andarci perché è aperto solo di mattina e io sono al lavoro. Comunque le troverò, anche perché mi servono per fare il parrozzo (lo conosci?). Finora ho sempre usato l'essenza, ma sono d'accordo con te, con le mandorle amare il sapore ci guadagna.
    Ciao!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Paste svizzere

Vado in Italia? E allora non può mancare! Parlo della ricetta antica, che arriva a voi direttamente da zia Elisabetta. Stavolta abbiamo pensato di rifare queste paste, che non so che rapporto abbiano con la Svizzera, ma così erano chiamate a Caltabellotta, provincia di Agrigento, al tempo di Colapesce: anzi, paste suizzere, con la u. Si preparavano nel forno a legna, ma anche in quello di casa hanno un'ottima riuscita. Non seguite la tentazione di cuocerle negli stampini monoporzione: rispetto a quello "moderno" dei muffins, l'impasto è più pesante, non cuocerebbe bene e vi lascerebbe delusi. La zia mi ha dato la dose per un chilo di farina, ma se non siete titolari di casa-famiglia o economi del convento, vi consiglio almeno di dimezzarla: già con 500 g. ne ottengo davvero tante, per cui sentitevi liberi di dimezzare anche le quantità che vi indico io. 500 g. di farina 00 (#405); 2 uova; 300 ml. di latte; 20 g. di ammoniaca per dolci; un pizzico di bicarbonato; 70 g. di s…

Biscotto materano da latte

Dunque io torno dalla Grecia con un chilo di biscotti greci del panificio grecissimo, con lo scopo di combattere le nostalgie, approfondire lo studio della produzione locale (a scopo pirateria, si capisce), e poter contare su un lungo periodo di pausa impastamenti...
...e come se ne spunta Herr Doktor-doktor?
"Sono meglio i tuoi... questi non si inzuppano".
Inutile spiegare che si trattava di un altro genere, altro tipo di frolla, probabilmente anche altra funzione... il criterio era quello. Il cielo ti renda merito, rispondo io: me ne toccheranno di più! Peró a questo punto il problema di reperire i biscotti da inzuppare, in un momento di pochissima voglia e tempo di farli,  eccolo di ritorno.  Ho fatto una scoperta: i biscotti da latte, in Germania, non esistono. Esistono i frollini, di tutti i tipi e forme; ma non sono quelli. Esistono i biscotti bio denominati Familienkekse, da famiglia, e dev'essere la famiglia dei Puffi, perché ogni biscotto è grande quanto una mo…

"Pasticciotti" natalizi

Auguri a tutti! Buon anno!!!
In questo momento scrivo dall'Italia, causa feste, e pertanto sto facendo incetta di ricette natalizie sìcule. Il 2009 voglio aprirlo con una "chicca", lo squisito pasticciotto ripieno di conserva di zucca, cioccolato e cannella...Ci spostiamo in provincia di Agrigento, a Caltabellotta, dove la ricetta si tramanda di generazione in generazione e la leggenda racconta di memorabili infornate di pasticciotti realizzate da mia nonna e da sua sorella. Certo che dovevano avere il loro fascino, quei tempi oscuri, con il tempo scandito dai ritmi dell'agricoltura e delle feste comandate, ed un Natale da preparare senza televisione e strepiti vari, cioè senza lasciarsi suggerire - o meglio imporre - da quattro imbecilli seduti intorno al tavolo di un Consiglio d'amministrazione cosa pensare, cosa disporre, cosa comprare e via discorrendo. Niente stress, e tranquille sedute di Weihnachtsbaeckerei che accomunavano (e continuano ad accomunare) prof…