Torta di Perugia

Che poi sarebbe la torta con crema e pinoli, o torta della nonna, o del nipote, o come volete, solo che il mio primo incontro con essa è avvenuto a Perugia (o almeno, il mio primo incontro con un esemplare buono), dove la trovavo in tutti i bar: qualcuno me ne ha parlato come di una specialità tipica, non so se sia vero ma valeva la pena di provarla. A Perugia, tra l'altro, ne fanno una versione con le gocce di cioccolato che è fantastica, e riesce benissimo anche in casa, ma sarà per la prossima volta: questa ho voluto prepararla con le amarene.
La ricetta base viene da un mostro sacro del web, e cioè Sigrid del Cavoletto... che sicuramente non avrà tempo di leggere un blog piccolino come il mio, ma, se per caso passasse di qua... duizend maal dank!

Crema:
  • 2 tuorli d'uovo;
  • 35 g. di farina;
  • 575 ml. di latte;
  • una bacca di vaniglia, o semini di vaniglia;
  • 75 g. di zucchero a velo;
  • 100 g. di farina di mandorle;
  • 250 g. di amarene in vaso, ben sgocciolate; non buttate il succo!
  • 2 cucchiaini di amido o fecola;
  • 2 cucchiaini di zucchero.
Base:
  • 300 g. di farina;
  • 1 tuorlo d'uovo;
  • 1 uovo;
  • 100 g. di burro;
  • 75 g. di zucchero a verlo;
  • 1 cucchiaino di lievito per dolci;
  • 2 cucchiai di pinoli.
Per la crema far bollire il latte con la vaniglia; lavorare lo zucchero con tuorli e farina, aggiungere a filo il latte bollente e poi la farina di mandorle; cuocere a fiamma bassa finché si addensa e lasciare da parte. Prelevare una tazzina di succo di amarene e mescolarvi l'amido e i due cucchiaini zucchero; riscaldare insieme con le amarene sgocciolate e lasciare addensare leggermente, poi mettere da parte anche quello.
Impastare una pasta frolla con gli ingredienti della base, dividerla in due porzioni e metterla a riposare al fresco per mezz'ora. Stendere l'impasto in due dischi e rivestire una teglia con uno di essi, versare la crema e su di essa le amarene; potete lasciarle così o "marmorizzare" con una forchetta. Coprire col secondo disco e chiudere i bordi cercando di sigillarli (ma vedrete che, se si presta attenzione, non si aprono). Spennellare con albume e spargere sul "coperchio" i pinoli. Cuocere in forno preriscaldato a 180º per mezz'ora. Volendo, spolverate anche con lo zucchero a velo!

Commenti

  1. Buonissima! adoro questo tipo di torte cremose dal guscio di frolla!
    Grazie anche per questa ricetta!

    RispondiElimina
  2. Sempre buona la torta della nonna.
    Mandi

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Biscotto materano da latte

Giammelle d'uova, alias: savoiardo giulianese

"Pasticciotti" natalizi