Passa ai contenuti principali

Craquelins (alla francese), e per giunta corsari

Sono o non sono il Capitan Uncino? Sìiiiii! E come tale... vi presento un'altra pirateria!
Dunque, c'erano una volta certe brioches sfogliate, e aromatizzate all'arancia, di una certa marca, molto ma molto nota in Italia, di quelle che mangi sano e torni alla natura (bisogna vedere in che senso ci torni, considerati gli additivi industriali). Bene, riconosciute? E io gliele ho piratate.
Solo che, trovando noiosissimo riprodurne pure la forma (ma è possibilissimo) io le faccio in forma di craquelins, a proposito dei quali devo precisare: alla francese, per distinguerli dal craquelin come lo intendono in Belgio, che è un pan brioche all'uvetta che vi ho già mostrato qui (con lievito di birra, devo provarlo anche con la pasta madre, appena posso). In Francia invece i craquelins sono delle brioches sfogliate a treccina che rientrano nella categoria roba natalizia.
Per la mia operazione corsara ho modificato la ricetta dei craquelins di Manue adattandola per l'uso con lievito madre ed aggiungendovi dell'uovo e naturalmente i canditi. Con questa dose tirate fuori 6 craquelins grandini (sono più grandi di un Buondì, per capirci, 13-14 cm.) 8 piccini, oppure potete anche preparare delle briochettes sfogliate così.


  • 60 g. di vispo lievito madre;
  • 185 g. di farina (100 tipo 0/# 550, e 85 tipo 00/#405);
  • 1 uovo M;
  • pesate l'uovo, e aggiungete il latte che basta per arrivare a 110 ml.;
  • 30 g. di zucchero;
  • 10 g. di burro;
  • 1/2 cucchiaino di sale;
  • 5 gocce di aroma fior d'arancio;
  • semi di vaniglia;
  • 80 g. di burro per sfogliare;
  • canditi d'arancia tritati finissimi e granella di zucchero.
È opportuno iniziare la sera. Si procede normalmente nell'impastatrice amalgamando tutti gli ingredienti, tranne il burro che va per ultimo e lasciando lavorare quello strumento benedetto per 10 minuti con il gancio, finché l'impasto non si stacca dalle pareti ed è ben lucido ed elastico. Lasciamo "partire" la lievitazione per un paio d'ore, poi copriamo con pellicola, mettiamo in frigo e buonanotte, in senso proprio e figurato. L'indomani mattina lasciamo un po' a temperatura ambiente e poi procediamo alla sfogliatura, come normalmente: pasta spianata a rettangolo, burro allo stadio "Pongo", morbido ma non troppo, e spolverato di farina al centro, chiusura a busta imprigionando il panetto e spianatura, con le pieghe; prima un giro semplice (a tre), seguito da 20 minuti almeno in frigo, poi uno doppio (in 4 parti), ancora riposo, un nuovo giro semplice e poi si può procedere alla formatura. Tagliamo delle strisce di pasta, e le intrecciamo dopo averle cosparse di canditi tagliuzzati fini. Lasciamo lievitare le trecce fino a che il volume non è (almeno) raddoppiato e poi in forno, tenuto pronto a 220 gradi ma abbassando subito la temperatura a 180. La cottura dura circa 15-20 minuti. Appone sfornati, lucidate i craquelins con uno sciroppo di zucchero, possibilmente scuro, sciolto in un poca acqua, aggiungete la granella di zucchero e lasciate raffreddare. Attenti che non solo sono uguali alle famose brioches commerciali di cui sopra, ma danno dipendenza, quando si arriva all'ultimo è un dramma...

Questa è la vera versione pirata...

...questa una versione all'uvetta,

ed ecco qua il craquelin "all'amburghese", con la cannella

Si conservano anche una settimana, se intiepiditi sprigionano tutto il loro aroma e diventano sofficissimi (quindi fidatevi che la pirateria riesce al cento per cento, non consigliavano di riscaldare le brioches anche alla pubblicità?).

Commenti

Post popolari in questo blog

Paste svizzere

Vado in Italia? E allora non può mancare! Parlo della ricetta antica, che arriva a voi direttamente da zia Elisabetta. Stavolta abbiamo pensato di rifare queste paste, che non so che rapporto abbiano con la Svizzera, ma così erano chiamate a Caltabellotta, provincia di Agrigento, al tempo di Colapesce: anzi, paste suizzere, con la u. Si preparavano nel forno a legna, ma anche in quello di casa hanno un'ottima riuscita. Non seguite la tentazione di cuocerle negli stampini monoporzione: rispetto a quello "moderno" dei muffins, l'impasto è più pesante, non cuocerebbe bene e vi lascerebbe delusi. La zia mi ha dato la dose per un chilo di farina, ma se non siete titolari di casa-famiglia o economi del convento, vi consiglio almeno di dimezzarla: già con 500 g. ne ottengo davvero tante, per cui sentitevi liberi di dimezzare anche le quantità che vi indico io. 500 g. di farina 00 (#405); 2 uova; 300 ml. di latte; 20 g. di ammoniaca per dolci; un pizzico di bicarbonato; 70 g. di s…

Biscotto materano da latte

Dunque io torno dalla Grecia con un chilo di biscotti greci del panificio grecissimo, con lo scopo di combattere le nostalgie, approfondire lo studio della produzione locale (a scopo pirateria, si capisce), e poter contare su un lungo periodo di pausa impastamenti...
...e come se ne spunta Herr Doktor-doktor?
"Sono meglio i tuoi... questi non si inzuppano".
Inutile spiegare che si trattava di un altro genere, altro tipo di frolla, probabilmente anche altra funzione... il criterio era quello. Il cielo ti renda merito, rispondo io: me ne toccheranno di più! Peró a questo punto il problema di reperire i biscotti da inzuppare, in un momento di pochissima voglia e tempo di farli,  eccolo di ritorno.  Ho fatto una scoperta: i biscotti da latte, in Germania, non esistono. Esistono i frollini, di tutti i tipi e forme; ma non sono quelli. Esistono i biscotti bio denominati Familienkekse, da famiglia, e dev'essere la famiglia dei Puffi, perché ogni biscotto è grande quanto una mo…

"Pasticciotti" natalizi

Auguri a tutti! Buon anno!!!
In questo momento scrivo dall'Italia, causa feste, e pertanto sto facendo incetta di ricette natalizie sìcule. Il 2009 voglio aprirlo con una "chicca", lo squisito pasticciotto ripieno di conserva di zucca, cioccolato e cannella...Ci spostiamo in provincia di Agrigento, a Caltabellotta, dove la ricetta si tramanda di generazione in generazione e la leggenda racconta di memorabili infornate di pasticciotti realizzate da mia nonna e da sua sorella. Certo che dovevano avere il loro fascino, quei tempi oscuri, con il tempo scandito dai ritmi dell'agricoltura e delle feste comandate, ed un Natale da preparare senza televisione e strepiti vari, cioè senza lasciarsi suggerire - o meglio imporre - da quattro imbecilli seduti intorno al tavolo di un Consiglio d'amministrazione cosa pensare, cosa disporre, cosa comprare e via discorrendo. Niente stress, e tranquille sedute di Weihnachtsbaeckerei che accomunavano (e continuano ad accomunare) prof…