Passa ai contenuti principali

Baguette viennoise (und Rosinenbrötchen)

La baguette viennoise non so cosa c'entri con Vienna, perché è francese: ma non è una baguette, è una roba a metà tra il pane e la brioche che, a dire di Richard Bertinet, è da che mondo è mondo una merenda prediletta dei ragazzini dalla Corsica al Mont St. Michel: si taglia a metà e si farcisce per benino con certe tavolette di cioccolato sottili sottili... che adesso, se non mi sbaglio, si trovano anche dal lato italiano delle Alpi.
Siccome va incisa in un certo modo, per ottenere un disegnino a spirale, e io - come foto dimostra -  questa incisione ancora non sono mai riuscita a farla come il Ciel comanda, alla fine mi stufo e finisco col preparare anche i Rosinenbrötchen che invece sono tedeschi. Dietro questo nome si nascondono semplici panini tondi all'uvetta, anche questi amatissima merenda da queste parti. 

Non si pongono problemi di correttezza della ricetta, almeno riferendosi a Bertinet: il Maestro realizza la baguette viennoise con un impasto semidolce molto versatile, che usa poi per molte altre preparazioni, quindi perché non usarlo anche per i Rosinenbrötchen? Ha funzionato, non li compro più.
Quindi, la fonte è il Guru, il libro è Brot für Genießer, pag. 137 e 154; e io che ho fatto? Qualcosa di una certa importanza: l'adattamento per il lievito madre, e l'aggiunta della mitica farinata, il water roux che aiuta il pane a mantenersi morbido (quello della foto era più che soddisfacente anche se, partendo per il weekend pasquale, l'abbiamo lasciato "solo" a casa per tre giorni!).
All'opera.
  • 65 g. di lievito madre, pimpante come sempre;
  • 50 g. di latte intero;
  • 50 g. di acqua + 10 g. di farina 0 per la farinata;
  • 210 g. di farina 0;
  • 30 g. di burro a temperatura ambiente;
  • 25 g. di zucchero finissimo;
  • 5 g. di sale;
  • 1 uovo L.
Il latte deve avere temperatura ambiente, si capisce... La farinata preparatela come descrivo qui, e poi impastatela con tutti gli altri ingredienti fino ad ottenere una pasta morbida e bene incordata; come sempre, velocità minima all'inizio e poi 1-2 finché la massa non si stacca dalla ciotola lasciandola pulita. Lasciate lievitare per un paio d'ore, poi formate delle baguettes con questa tecnica:
-prelevare una porzione d'impasto grande come una mela;
- appiattirla col palmo di una mano tirandola con l'altra;
- ripiegare la pasta in senso orizzontale e ricominciare il movimento per 2-3 volte, fino a "chiudere" bene l'impasto su se stesso.
E poi, lasciate lievitare ancora fino al raddoppio, dopo aver praticato delle incisioni parallele oblique, che dovrebbero poi formare, se saprete farle bene e non come me, una specie di spirale.
Per fare i panini all'uvetta, aggiungete semplicemente alla pasta un pugno d'uvetta di Corinto o sultanina, e formate delle palline della dimensione d'un uovo; e, a proposito, regola vuole che baguette viennoise e panini si spennellino d'uovo battuto per lucidare la superficie, anche se io non lo faccio per questioni di gusto.
Cuocete i panini in forno a 210 gradi per 8-10 minuti; per la baguette forse potrà servire qualche minuto in più; ma la doratura e soprattutto il profumo parleranno chiaro.

Commenti

  1. Fantastica questa ricetta *O*! La conservo e appena posso la provo ^__^!

    RispondiElimina
  2. Ho notato solo ora che sei anche tu di Palermo...sul blog hai anche ricette tedesche? Perchè io adoro la cucina tedesca ^__^!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sí, ne ho tante... clic su "In giro per la Germania"! Però se hai qualche curiosità su ricette che non sono sul blog dimmi, magari le ho su carta o posso reperirle per passaparola...Ciao!

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Paste svizzere

Vado in Italia? E allora non può mancare! Parlo della ricetta antica, che arriva a voi direttamente da zia Elisabetta. Stavolta abbiamo pensato di rifare queste paste, che non so che rapporto abbiano con la Svizzera, ma così erano chiamate a Caltabellotta, provincia di Agrigento, al tempo di Colapesce: anzi, paste suizzere, con la u. Si preparavano nel forno a legna, ma anche in quello di casa hanno un'ottima riuscita. Non seguite la tentazione di cuocerle negli stampini monoporzione: rispetto a quello "moderno" dei muffins, l'impasto è più pesante, non cuocerebbe bene e vi lascerebbe delusi. La zia mi ha dato la dose per un chilo di farina, ma se non siete titolari di casa-famiglia o economi del convento, vi consiglio almeno di dimezzarla: già con 500 g. ne ottengo davvero tante, per cui sentitevi liberi di dimezzare anche le quantità che vi indico io. 500 g. di farina 00 (#405); 2 uova; 300 ml. di latte; 20 g. di ammoniaca per dolci; un pizzico di bicarbonato; 70 g. di s…

Biscotto materano da latte

Dunque io torno dalla Grecia con un chilo di biscotti greci del panificio grecissimo, con lo scopo di combattere le nostalgie, approfondire lo studio della produzione locale (a scopo pirateria, si capisce), e poter contare su un lungo periodo di pausa impastamenti...
...e come se ne spunta Herr Doktor-doktor?
"Sono meglio i tuoi... questi non si inzuppano".
Inutile spiegare che si trattava di un altro genere, altro tipo di frolla, probabilmente anche altra funzione... il criterio era quello. Il cielo ti renda merito, rispondo io: me ne toccheranno di più! Peró a questo punto il problema di reperire i biscotti da inzuppare, in un momento di pochissima voglia e tempo di farli,  eccolo di ritorno.  Ho fatto una scoperta: i biscotti da latte, in Germania, non esistono. Esistono i frollini, di tutti i tipi e forme; ma non sono quelli. Esistono i biscotti bio denominati Familienkekse, da famiglia, e dev'essere la famiglia dei Puffi, perché ogni biscotto è grande quanto una mo…

"Pasticciotti" natalizi

Auguri a tutti! Buon anno!!!
In questo momento scrivo dall'Italia, causa feste, e pertanto sto facendo incetta di ricette natalizie sìcule. Il 2009 voglio aprirlo con una "chicca", lo squisito pasticciotto ripieno di conserva di zucca, cioccolato e cannella...Ci spostiamo in provincia di Agrigento, a Caltabellotta, dove la ricetta si tramanda di generazione in generazione e la leggenda racconta di memorabili infornate di pasticciotti realizzate da mia nonna e da sua sorella. Certo che dovevano avere il loro fascino, quei tempi oscuri, con il tempo scandito dai ritmi dell'agricoltura e delle feste comandate, ed un Natale da preparare senza televisione e strepiti vari, cioè senza lasciarsi suggerire - o meglio imporre - da quattro imbecilli seduti intorno al tavolo di un Consiglio d'amministrazione cosa pensare, cosa disporre, cosa comprare e via discorrendo. Niente stress, e tranquille sedute di Weihnachtsbaeckerei che accomunavano (e continuano ad accomunare) prof…