domenica 7 ottobre 2018

Biancomangiare al latte di mandorle




Il biancomangiare è un budino siciliano molto delicato, che potete preparare sia utilizzando unicamente latte di mandorle - e sarebbe la versione originale - sia con una parte di latte di mucca, che secondo alcuni darebbe una consistenza più cremosa. 
Non è proprio vero, se partite da latte di mandorle fatto da voi (come vi spiego qui) oppure da latte di mandorle bio di buona qualità (quello con almeno il 5% di mandorle). Altro il discorso per il latte di mandorle fatto con il preparato, oppure piuttosto acquoso: ma con quello, io personalmente il biancomangiare non lo farei!
Ve lo classifico vegan, perché tale è se preparato in versione originale; gli interessati dovranno comunque adattare la salsa di cioccolato, che contiene del latte.

Ricetta per quattro budini (o otto mini)
  • 800 ml. di latte di mandorle, 
  • 200 ml. di latte; (in alternativa 1 l. di latte di mandorle)
  • 100 g di zucchero;
  • 100 g. di amido per dolci;
  • una stecca di cannella;
  • una bustina di vanillina.
Si scioglie l'amido con lo zucchero e la vanillina nel latte e si porta lentamente ad ebollizione con la stecca di cannella, lasciando addensare la crema. Eliminata la cannella, si versa il composto nelle forme predisposte e si lascia consolidare in frigo; al momento di servire si decora con cioccolato a scaglie, pistacchi, cannella in polvere oppure con questa salsa di cioccolato, che secondo me è la morte sua... È basata su una ricetta di Angelo Principe, che utilizza il latte non condensato, e mi piace moltissimo perché, diversa dalle salse a base di panna, completa senza dominare o appesantire l'insieme; poi è anche molto lucida e quindi esteticamente piacevole, il che non guasta.

Salsa di cioccolato
  • acqua 50 g.
  • latte condensato 50 g
  • zucchero 10 g (andate fino a 15 o 20 se non amate il cioccolato amaro)
  • glucosio 10 g (idem)
  • cacao 15 g
  • cioccolato fondente al 70% 30 g
  • amido 2 g (un cucchiaino) + un cucchiaio di liquore a piacere)
La preparazione è semplice: vanno riscaldati acqua, latte condensato, zucchero e glucosio e portati ad ebollizione. L'amido va sciolto nel liquore ed unito al composto caldo, mescolando per un minuto finché questo non si addensa. Naturalmente non è un budino, la salsa deve restare fluida. Allontanare dal calore e unire il cioccolato fondente a pezzetti, lasciandolo sciogliere. Fine.
Dimenticavo che questa salsa si conserva abbastanza a lungo, per una settimana, ben chiusa in frigo, va benissimo; quindi ne potete preparare anche di più. 

1 commento:

  1. Hai ragione: CON IL "VERO" LATTE DI MANDORLE è IL NON PLUS ULTRA!

    RispondiElimina

Perduto e ritrovato: Mini-soufflés all'arancia e semolino!

Il coraggio, uno non se lo può dare. Specialmente quello di rimettersi a scrivere dopo mesi. Dieta, ridieta, arcidieta, - e fin qui si ...