Passa ai contenuti principali

Gaufres de Namur


Das Angedenken
Der Zuckerlust
Will mich in Angst versenken.
Es will verdammte Kost
Uns zeitlich kränken.
Was man geschmeckt und nicht mehr schmecken soll,
Ist freudenleer und jammervoll...
Il poeta barocco Christian Hoffmann von Hoffmanwaldau stava parlando della caducità dell'amore, quando nella sua Verliebte Arie lo paragonava alla Zuckerlust, il piacere dello zucchero, dicendo che "il ripensarvi mi fa sprofondare nell'angoscia: maledetto cibo, ci fa star male per il tempo che passa. Quello che si è gustato e non si gusterà più, si svuota di gioia e si riempie di affanni..." Scusate la mia traduzione che fa schifo. Ho preso in prestito i versi di Hoffmanwaldau perché... mi fanno pensare alla dieta! Infatti, queste gaufres stavolta non sono ricetta d'archivio: si tratta del primo dolce che preparo dopo questi due ascetici mesi... Il che non vuol dire che adesso ci daremo alla pazza gioia, ma insomma, un dolcetto, uno leggerino...
La scelta è caduta sulle gaufres perché, a parte che sono facili e relativamente leggere (almeno in questa variante), nell'ultimo periodo ho lavorato tra l'altro su un libro belga, a cui vi ho già accennato, un romanzo fiammingo che ho trovato bellissimo e mi ha fatto venir voglia di tornare a visitare il Belgio. Ma i belgi di gaufres ne possiedono tante versioni (come quelle di Verviers e di Liegi), che non le ho ancora sperimentate tutte: mi ci vorrà una vita, credo. Queste le ho già preparate tante volte e sono tipiche della città di Namur. Divertitevi a fare il confronto con le altre versioni... dalle foto non si capisce, sembrano tutte uguali, ma non è così.
Unico avvertimento, anche per questa ricetta dovete armarvi di pazienza e cominciare la sera prima. Le dosi (per circa dodici gaufres grandi o almeno il doppio se volete farle piccoline come ho fatto io):
  • 500 g. di farina 00 (#405);
  • 200 ml. di latte;
  • 20 g. di lievito di birra;
  • 200 g. di burro fuso
  • 3 tuorli d'uovo;
  • un pizzico di sale;
  • 250 g. di zucchero;
  • vaniglia;
  • zucchero a velo per spolverare.
Mescolate 150 g. di farina con il lievito sciolto in 100 ml. di latte e lasciate riposare per mezz'ora. Al termine del riposo impastate il panetto col resto della farina, del latte, con il sale, le uova e la vaniglia, fino a ottenere una pasta omogenea da lasciare di nuovo riposare a temperatura ambiente per ventiquattr'ore.
L'indomani riscaldate il gaufrier e cuocete l'impasto a cucchiaiate fino a quando non è ben dorato. Spolverate di zucchero a velo e servite nature oppure con marmellata o quello che volete voi. Io vado pazza per le gaufres con la composta di mele. Quelle della foto sono scomparse dopo mezz'ora...


Commenti

  1. Li abbiamo assaggiati, ma non ci siamo mai cimentate nella preparazione.
    Son davvero buoni e delicati!
    baci baci

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Paste svizzere

Vado in Italia? E allora non può mancare! Parlo della ricetta antica, che arriva a voi direttamente da zia Elisabetta. Stavolta abbiamo pensato di rifare queste paste, che non so che rapporto abbiano con la Svizzera, ma così erano chiamate a Caltabellotta, provincia di Agrigento, al tempo di Colapesce: anzi, paste suizzere, con la u. Si preparavano nel forno a legna, ma anche in quello di casa hanno un'ottima riuscita. Non seguite la tentazione di cuocerle negli stampini monoporzione: rispetto a quello "moderno" dei muffins, l'impasto è più pesante, non cuocerebbe bene e vi lascerebbe delusi. La zia mi ha dato la dose per un chilo di farina, ma se non siete titolari di casa-famiglia o economi del convento, vi consiglio almeno di dimezzarla: già con 500 g. ne ottengo davvero tante, per cui sentitevi liberi di dimezzare anche le quantità che vi indico io. 500 g. di farina 00 (#405); 2 uova; 300 ml. di latte; 20 g. di ammoniaca per dolci; un pizzico di bicarbonato; 70 g. di s…

Biscotto materano da latte

Dunque io torno dalla Grecia con un chilo di biscotti greci del panificio grecissimo, con lo scopo di combattere le nostalgie, approfondire lo studio della produzione locale (a scopo pirateria, si capisce), e poter contare su un lungo periodo di pausa impastamenti...
...e come se ne spunta Herr Doktor-doktor?
"Sono meglio i tuoi... questi non si inzuppano".
Inutile spiegare che si trattava di un altro genere, altro tipo di frolla, probabilmente anche altra funzione... il criterio era quello. Il cielo ti renda merito, rispondo io: me ne toccheranno di più! Peró a questo punto il problema di reperire i biscotti da inzuppare, in un momento di pochissima voglia e tempo di farli,  eccolo di ritorno.  Ho fatto una scoperta: i biscotti da latte, in Germania, non esistono. Esistono i frollini, di tutti i tipi e forme; ma non sono quelli. Esistono i biscotti bio denominati Familienkekse, da famiglia, e dev'essere la famiglia dei Puffi, perché ogni biscotto è grande quanto una mo…

"Pasticciotti" natalizi

Auguri a tutti! Buon anno!!!
In questo momento scrivo dall'Italia, causa feste, e pertanto sto facendo incetta di ricette natalizie sìcule. Il 2009 voglio aprirlo con una "chicca", lo squisito pasticciotto ripieno di conserva di zucca, cioccolato e cannella...Ci spostiamo in provincia di Agrigento, a Caltabellotta, dove la ricetta si tramanda di generazione in generazione e la leggenda racconta di memorabili infornate di pasticciotti realizzate da mia nonna e da sua sorella. Certo che dovevano avere il loro fascino, quei tempi oscuri, con il tempo scandito dai ritmi dell'agricoltura e delle feste comandate, ed un Natale da preparare senza televisione e strepiti vari, cioè senza lasciarsi suggerire - o meglio imporre - da quattro imbecilli seduti intorno al tavolo di un Consiglio d'amministrazione cosa pensare, cosa disporre, cosa comprare e via discorrendo. Niente stress, e tranquille sedute di Weihnachtsbaeckerei che accomunavano (e continuano ad accomunare) prof…