Passa ai contenuti principali

Crostata ebraica alle visciole


Arriva Pasqua e ci vuole il dolce pasquale: o meglio ci voleva, visto che sono un po' in ritardo sui tempi. Colomba? No...a dire la verità non è quello che preferisco. Si contendono la palma la pastiera napoletana e la crostata di ricotta e visciole che si vende nell'ex Ghetto di Roma, nelle vicinanze del Portico d'Ottavia, uno dei pezzi forti del famoso forno Boccione (che la prepara in versione tutta chiusa). La pastiera l'ho preparata l'anno scorso, stavolta avevo proprio voglia di questa torta che da tanto tempo non compariva in tavola-e non l'ho fatta, almeno non a Pasqua, anche se per un motivo piacevolissimo: una minivacanza nella città di Eisenach, dove studiò e lavorò uno dei miei eroi...Martin Lutero.
Rinunciare alla crostata di visciole in vista della prossima Pasqua? ma nemmeno per sogno: l'ho semplicemente "spostata" di un paio di settimane.
Ecco qua la ricetta: il dolce è, oltre che buono e presentabilissimo anche in occasioni di una certe importanza, anche semplice e veloce.

Frolla morbida
:
  • 250 g. di farina;
  • 2 uova M;
  • 120 g. di zucchero;
  • 100 g. di burro;
  • mezza bustina di lievito in polvere.
Questi ingredienti si impastano tutti insieme fino ad ottenere una pasta liscia e un po' più morbida della normale pasta frolla; non deve in ogni caso appiccicarsi, per cui se necessario aggiungete ancora una spolverata di farina (la dimensione delle uova è decisiva!).
Con la pasta foderiamo uno stampo a bordi alti da 26 cm. di diametro, per intero (cercando di arrivare, cioè, ad ottenere il bordo più alto possibile) e poi spalmiamo il guscio ottenuto con 200-250 circa di marmellata di visciole o di amarene. Lo confesso, io ho usato quasi sempre le amarene perché le prime volte che ho preparato la crostata ero a San Francisco che non è esattamente la patria della visciola; stavolta invece, va' un po' a capire come si chiamano le visciole in tedesco; ho pure cercato sul vocabolario e visciola è sempre tradotto Maraske, Weichsel, Sauerkirsche che vuol dire, appunto, amarene... a quel punto, pazienza. L'importante è che non sia una marmellata eccessivamente dolce, perché la caratteristica di questa crostata è il contrasto tra le visciole, che sono asprigne, e la crema di ricotta. Un ottimo risultato lo otterrete con una marmellata del tipo senza zucchero, dolcificata con sciroppo d'agave o melassa, che si trova nei supermercati bio.
Sulla marmellata versiamo poi la crema, preparata con
  • 500 g. di ricotta (meglio di pecora);
  • 200 g. di zucchero;
  • 1 uovo;
  • 2 cucchiai di rhum.
Decoriamo con la solita grata, e via in forno: a 180º per un'oretta. In cottura si gonfierà, come la pastiera o il cheesecake, e poi si abbasserà una volta fuori; tutto sotto controllo, è normale. Va tagliata solo quando è completamente fredda (meglio l'indomani) per non "squacquerare" la marmellata!

Commenti

  1. I tuoi dolci in particolare mi piacciono sempre tantissimo, hai un modo di raccontarli che mi rende molto piacevole la lettura e ...tutto sembra facile e tutto si capisce subito essere buonissimo. Questa crostata mi piace tanto, le visciole sono adorabili ed in associazione con la ricotta diventano sublimi. Anche la frolla morbida è notevole... insomma, proprio brava! Ti abbraccio, a presto. Deborah

    RispondiElimina
  2. Tesoro, la marmellata di visciole non saprei dove cercarla, ma quella di amarene l'ho a casa!!! Andrebbe bene anche una marmellata di mirtilli???
    P.s. Ho rifatto la cassata, seguendo il tuo consiglio di fare il pandispagna sottile e tutto è stato molto più semplice!!!!

    RispondiElimina
  3. buonissima questa crostata!!!

    ALtro che in ritardo...giusta giusta per farla domani...o meglio ora, subito!!!Una bontà del genere non può e non deve aspettare oltre!!!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Paste svizzere

Vado in Italia? E allora non può mancare! Parlo della ricetta antica, che arriva a voi direttamente da zia Elisabetta. Stavolta abbiamo pensato di rifare queste paste, che non so che rapporto abbiano con la Svizzera, ma così erano chiamate a Caltabellotta, provincia di Agrigento, al tempo di Colapesce: anzi, paste suizzere, con la u. Si preparavano nel forno a legna, ma anche in quello di casa hanno un'ottima riuscita. Non seguite la tentazione di cuocerle negli stampini monoporzione: rispetto a quello "moderno" dei muffins, l'impasto è più pesante, non cuocerebbe bene e vi lascerebbe delusi. La zia mi ha dato la dose per un chilo di farina, ma se non siete titolari di casa-famiglia o economi del convento, vi consiglio almeno di dimezzarla: già con 500 g. ne ottengo davvero tante, per cui sentitevi liberi di dimezzare anche le quantità che vi indico io. 500 g. di farina 00 (#405); 2 uova; 300 ml. di latte; 20 g. di ammoniaca per dolci; un pizzico di bicarbonato; 70 g. di s…

Biscotto materano da latte

Dunque io torno dalla Grecia con un chilo di biscotti greci del panificio grecissimo, con lo scopo di combattere le nostalgie, approfondire lo studio della produzione locale (a scopo pirateria, si capisce), e poter contare su un lungo periodo di pausa impastamenti...
...e come se ne spunta Herr Doktor-doktor?
"Sono meglio i tuoi... questi non si inzuppano".
Inutile spiegare che si trattava di un altro genere, altro tipo di frolla, probabilmente anche altra funzione... il criterio era quello. Il cielo ti renda merito, rispondo io: me ne toccheranno di più! Peró a questo punto il problema di reperire i biscotti da inzuppare, in un momento di pochissima voglia e tempo di farli,  eccolo di ritorno.  Ho fatto una scoperta: i biscotti da latte, in Germania, non esistono. Esistono i frollini, di tutti i tipi e forme; ma non sono quelli. Esistono i biscotti bio denominati Familienkekse, da famiglia, e dev'essere la famiglia dei Puffi, perché ogni biscotto è grande quanto una mo…

"Pasticciotti" natalizi

Auguri a tutti! Buon anno!!!
In questo momento scrivo dall'Italia, causa feste, e pertanto sto facendo incetta di ricette natalizie sìcule. Il 2009 voglio aprirlo con una "chicca", lo squisito pasticciotto ripieno di conserva di zucca, cioccolato e cannella...Ci spostiamo in provincia di Agrigento, a Caltabellotta, dove la ricetta si tramanda di generazione in generazione e la leggenda racconta di memorabili infornate di pasticciotti realizzate da mia nonna e da sua sorella. Certo che dovevano avere il loro fascino, quei tempi oscuri, con il tempo scandito dai ritmi dell'agricoltura e delle feste comandate, ed un Natale da preparare senza televisione e strepiti vari, cioè senza lasciarsi suggerire - o meglio imporre - da quattro imbecilli seduti intorno al tavolo di un Consiglio d'amministrazione cosa pensare, cosa disporre, cosa comprare e via discorrendo. Niente stress, e tranquille sedute di Weihnachtsbaeckerei che accomunavano (e continuano ad accomunare) prof…