Tiramisù vigliacco alle fragole e mirtilli


No, aveva ragione quel tale... il coraggio, uno non se lo può dare. 
E io, volendo preparare il tiramisù alle fragole, volevo usare il mascarpone. Ma poi ho fatto un paio di conti, rapportando i valoro nutrizionali di 250 g. di mascarpone, che erano quelli che mi servivano, ai... destinatari dell'opera: cioè il coniuge e me, con possibilità di ulteriori riduzioni, essendo lui in partenza per lavoro e notoriamente poco amante del tiramisù. Vi lascio indovinare, quindi, chi sarebbe stato incaricato dello smaltimento degli avanzi di ieri.
Bene, io i conti li ho fatti, e il risultato, invece di tirarmi su, mi ha tirata decisamente giù. 
Ma c'era sempre la possibilità di tirar fuori il buon vecchio tiramisù vigliacco, che torna utilissimo non solo per chi ha paura della prova-costume (io no: se mai, qui, comincio a pensare alla prova cappotto), ma anche per chi come me non ama il saporaccio del tuorlo d'uovo. Oltretutto il mio tiramisù vigliacco sarà anche tale, ma dietetico non è: niente a che fare con le versioni alla ricotta (non c'entra niente, troppo poco cremosa) o peggio ancora con quelle coi pavesini... no pietà, i pavesini no! personalmente, li vedo bene solo nel cestino dell'asilo o all'ospedale, entrambe scene pochissimo piacevoli. La crema è crema, insomma, molto mascarpònica nella consistenza e nel gusto, e i savoiardi sono savoiardi, quelli seri.
Per l'esattezza doveva essere quadrato, ma non ce l'ho, lo stampo... e quindi chi se ne frega. Queste dosi vanno bene per quattro persone normali, sei disciplinate e otto asceti indiani.
  • Una ventina di savoiardi, se fatti da voi è meglio (come? a scelta... guardate quiqui e qui, e se volete pure qui);
  • 200 g. di fragole mature;
  • 200 g. di mirtilli selvatici (potete sostituirli con lamponi), puliti e ben scolati;
  • liquore all'arancia;
  • 2-3 cucchiai di liquore alla mandorla;
  • mezzo cucchiaino di semi di vaniglia;
  • un cucchiaio di zucchero di canna tipo Mascobado (si può sostituire con quello normale, ma è meno saporito);
  • 200 g. di formaggio cremoso del tipo Philadelphia;
  • 200 g. di yoghurt greco al 10% di grassi, quello "con gli attributi";
  • 6 cucchiai di zucchero a velo;
  • una bustina di zucchero vanigliato.
Pulite le fragole, tagliatele a pezzetti e mettetele a macerare con 2-3 cucchiai di liquore di mandorla, lo zucchero Mascobado e la vaniglia. Frullate due cucchiai di mirtilli e due fragole con altri due cucchiai di liquore; filtrate e regolate aggiungendo al succo dello zucchero a seconda di quanto ne contengono i frutti, secondo il vostro gusto.
Preparate la crema amalgamando bene il formaggio cremoso e lo yoghurt; aggiungete lo zucchero a velo e quello vanigliato. Prelevatene un terzo e aggiungete un po' del succo di mirtilli e una manciatina di mirtilli interi. Alla crema che resta aggiungete 4 cucchiai di liquore all'arancia. 
Spalmate un po' di crema bianca sul fondo dello stampo e formate la base con i savoiardi. Versate su di essi il succo di mirtilli che resta e la crema di mirtilli. Completate con i mirtilli interi.
Prelevate il sughetto delle fragole, intingetevi altri savoiardi e formate un secondo strato. Su questo distribuite le fragole a pezzetti e coprite con la crema bianca. Lasciate a riposare in frigo per due ore almeno. In giornate calde è l'ideale per concludere una cena.

Commenti

  1. bellissimo, se trovo ancora le fragole, lo faccio, a noi piace molto il tiramisà ma le calorie...sono troppe...un caro saluto...

    RispondiElimina
  2. deve essere buonissimo questo tiramisu',come tutte le cose che prepari''scommetto''.ti seguo volentieri..

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Biscotto materano da latte

Giammelle d'uova, alias: savoiardo giulianese

"Pasticciotti" natalizi