domenica 25 gennaio 2015

Roschette, i biscotti ebraici di Tripoli



Conoscete Jasmine, autrice con il socio Manuel di Labna? Se non la conoscete, è arrivato il momento, vi faranno scoprire un mondo. Questi biscotti molto leggeri e friabili, tipici della comunità ebraica di Tripoli me li hanno "insegnati" loro; però un problema serio è che danno dipendenza e chi li prova poi li deve rifare e rifare quasi compulsivamente.

Avvertenza: sono aromatizzati all'acqua di fior d'arancio, ma se questa non è di ottima qualità (alias, "potente"), lasciatela perdere e sostituite un altro aroma che almeno si senta. La versione originale comunque resta insuperabile. Ecco le dosi, col permesso di Jasmine che ringrazio ancora.

  • 400 g. di farina 00 (#405);
  • 1 tazzina da caffè e 1/2 di zucchero (qui si va a volume e basta)
  • 1 tazzina da caffè e 1/2 di olio di semi dal sapore delicato (mais);
  • 2 uova M;
  • 1-2 cucchiai di acqua di fior d'arancio 
  • 1/2 bustina di lievito per dolci alias 8 g.
Il procedimento è tra i più semplici e richiede solo un cucchiaio per  mescolare zucchero, fior d'arancio, olio, uova e lievito; la farina si aggiunge piano a cucchiaiate, terminando la lavorazione a mano; attenzione a non impastare tipo pane, ma stringere col pugno la pasta per fare assorbire i liquidi senza creare glutine di troppo. L'impasto deve essere compatto ma non appiccicoso. 

Formare ciambelline e cuocere su carta forno a 180º  per una decina di minuti; devono essere appena dorate e staccarsi facilmente dalla carta. Si servono per accompagnare il caffè.



Mousse di yogurt Ricardo con fichi



Un budino-nuvoletta che farà comodo a chi non vuole appesantirsi. La ricetta viene dalla canadese rivista Ricardo Cuisine, le dosi accontentano da due a quattro persone.


  • 300 g. di yogurt greco del tipo "serio" (10%);
  • Semi di una bacca di vaniglia;
  • 75 g. di zucchero;
  • 2 albumi
  • 1 foglio di gelatina che potete omettere se il budino lo mangiate subito.
Mescolare zucchero e vaniglia. Montare gli albumi e quando sono già a neve ben ferma aggiungere lo zucchero continuando a montare; si ottiene una bella meringa lucida e relativamente stabile rispetto al semplice albume. Incorporare con molta delicatezza lo yogurt utilizzando una spatola. Riempire coppette monoporzione e mettere in frigorifero almeno un'ora.
Quando devo conservare la mousse per due giorni, aggiungo un foglio di gelatina sciolta in pochissimo latte o liquore, per sicurezza; ma non è imprescindibile.

La morte sua è con fichi e sciroppo d'acero o miele, ma per accompagnare si presta benissimo qualsiasi altra frutta fresca o sciroppata.

Mousse di cocco e vaniglia con frutta esotica (e ingrediente segreto)

Aridaje coi budini, sì? e quindi è meglio se questo lo facciamo precedere da quattro informazioni in più, anche se magari siete capit...