Post

Visualizzazione dei post da Marzo, 2009

Cassata al forno

Immagine
Altro dolce palermitano, la versione (almeno apparentemente) più leggera della cassata "barocca" con base di pan di Spagna, canditi e marzapane. Qui la crema di ricotta è chiusa in un guscio di pastafrolla; il risultato ultimo è lontano cugino della pastiera napoletana, ma di quella sì, sicuramente più leggero. Un'ottima alternativa per chi ritiene il tripudio di zuccheri della cassata tradizionale un po' stucchevole.
La torta della foto era a uso esclusivamente familiare: due porzioni, piu un'eventuale riserva per colazione; dimensioni finalizzate a tenerci lontani dalla tentazione di divorarne quantità eccessive. Un tortino, insomma, realizzato con uno stampo di 18 cm. di diametro. Ma voi, se avete famiglia tipo squadra di calcio, volete assicurarvi una scorta o semplicemente preparare un dolce di dimensioni normali (stampo da 26 cm.), utilizzate la dose tra parentesi.
175 g. di farina 00 (#405) [700g.];60 g. di strutto o margarina [240 g.];60 g. di zucchero [24…

Bocconcini al cocco

Immagine
Dalla mia amica Elisa di Verona viene la ricetta di questi pasticcini rapidissimi e... probabilmente drogati, visto che non ci si può fermare dopo avere preso il primo: oltretutto, essendo privi di burro, uno si sente autorizzato ad andare avanti.
Il procedimento è di assoluta semplicità: basta montare
2 uova intere,150 g. di zucchero,1 bustina di vanillina,2 cucchiai di acqua bollente,
e una volta ottenuta una massa che "scrive", come quella del pan di Spagna, aggiungere
200 g. di farina di cocco e50 g. di farina.Si prende poi l'impasto a cucchiaiate e si fanno cuocere i mucchietti a 175º fino a doratura (circa 20 minuti.

Gerbeaud-Schnitten

Immagine
Ci trasferiamo ai tempi di Cecco Beppe... a Budapest, dove a metà Ottocento fu aperta la pasticceria Gerbeaud, uno dei più noti caffé storici d'Europa, che a tutt'oggi continua l'attività nei suoi locali veramente di lusso e produce dolci leggendari. Con il nome di Fetta Gerbeaud è conosciuta una torta che alterna strati di friabile pasta lievitata ad una farcitura di noci e marmellata d'albicocca, glassata al cioccolato. Il divertente è che in Austria questo nome ha dato luogo a uno strano fraintendimento per cui da Gerbeaud si è prodotto Garbo e di conseguenza la torta, in una versione alla nocciola, è chiamata Greta Garbo-Schnitte!
La curiosità di riprodurla come dolcetto domenicale mi mangiava viva: ma è chiaro che Gerbeaud è una ditta di sangue blu che più blu non si può, e la ricetta, al pari di quella della torta Sacher, è segreta e non vengono certo a dirla a me... quindi mi sono data a un'operazione, per dir così, scientifica, quale la ricostruzione del pr…

Bagels

Immagine
Stasera pensavo agli Stati Uniti, per varie ragioni, non tutte divertenti: e allora ho preparato, sull'onda della nostalgia, i bagels: i panini a ciambellina che si lessano prima della cottura e si possono mangiare da soli o tagliati a metà e spalmati con il cream cheese, come dire il Philadelphia; comunissimi per merenda a scuola come da noi la Kinder Brioss - ma c'è ancora? - e la banana nel cestino dell'asilo.
Perché si chiamino così è cosa tutt'altro che pacifica, e affonda nella leggenda. Qualcuno dice che il primo panino di questo tipo fu prodotto alla fine del Seicento, in Austria, a titolo di tributo al re di Polonia Jan Sobieski, che aveva salvato la nazione da un assalto di Turchi, e fu chiamato bagel da beugal, la staffa da cavallo, perché il re era un noto cavaliere. Pare che non sia vero, ma il legame con la Polonia resta: i panini sarebbero stati diffusi già molto prima nella città di Cracovia. In particolare, erano molto apprezzati dalla comunità ebraica,…